Moja: "Nadal vorrebbe giocare tutti i tornei, ma non ha più 20 anni"



by   |  LETTURE 2010

Moja: "Nadal vorrebbe giocare tutti i tornei, ma non ha più 20 anni"

I vertici del tennis mondiale hanno definito il nuovo calendario della stagione che lancerà la ripartenza ufficiale del tennis. Soffermandoci in particolare sul Tour ATP, il circuito maschile ripartirà il 14 agosto da Washington, dove si svolgerà la 52ª edizione del Citi Open.

Toccherà poi al Masters 1000 di Cincinnati e agli US Open, che si disputeranno entrambi a Flushing Meadows e che chiuderanno la stagione americana il 13 settembre. Il Tour si trasferirà successivamente in Europa per la stagione sul rosso.

Saranno tre i tornei che precederanno il Roland Garros: l’ATP 250 di Kitzbuhel ed i Masters 1000 di Madrid e Roma. Lo Slam parigino aprirà i battenti infine il 27 settembre. Molti giocatori hanno espresso la propria preoccupazione per il calendario ristretto e per i tanti impegni che li metteranno di fronte ad una scelta.

Rafael Nadal lo scorso anno ha vinto sia il Roland Garros che gli US Open, i due tornei dello Slam che si giocheranno durante la ripresa, e quindi sarà costretto teoricamente a difendere entrambi i successi nel giro di poco meno di un mese.

Lo spagnolo da un po’ di anni sta cercando di gestire nel migliore dei modi il suo calendario sopratutto per evitare infortuni e lunghe pause. Resta quindi il grande interrogativo sul calendario che deciderà di seguire Nadal.

Quali saranno i tornei a cui prenderà parte Rafael Nadal?

Carlos Moja, allenatore del 19 volte campione Slam, ha parlato proprio del nuovo calendario e delle condizioni del suo assistito nel corso di un evento tenutosi a Palma di Maiorca.

“Calendario? Ad essere onesti, non abbiamo ancora parlato con Rafa per capire quale sarà il programma definitivo per il suo ritorno in campo” , ha spiegato Moja nelle parole raccolte da Mundo Deportivo.

“È vero che ci sono cinque tornei molto importanti concentrati in poche settimane. Rafa vorrebbe giocarli tutti, ma non ha più 20 anni e la situazione non è la stessa di prima. Sono assolutamente sicuro che Rafa stia pensando di giocarli tutti e probabilmente lo farà, ma dobbiamo capire come adattarci alle nuove condizioni.

Dobbiamo sederci nelle prossime settimane ed analizzare il tutto. Abbiamo sempre dato priorità allo stato fisico e mentale di Nadal, in base a questi aspetti deve scegliere quali tornei disputare e quali tornei non disputare.

Come ho detto prima: il suo stato fisico e mentale è la nostra priorità al momento. Non forzeremo alcun tipo di situazione” .