Leconte: "Mentalmente Rafael Nadal è fuori dal mondo"



by   |  LETTURE 3941

Leconte: "Mentalmente Rafael Nadal è fuori dal mondo"

Rafael Nadal è stato il più grande dominatore di tutti i tempi sulla terra rossa, non soltanto per essersi aggiudicato 12 Roland Garros. Il fenomeno maiorchino, che ha incassato due sole sconfitte a Parigi, vanta la più lunga striscia di vittorie su una singola superficie (81 sul mattone tritato) e quest’anno proverà ad eguagliare il record di 20 titoli Slam di Roger Federer.

Tra i numerosi sostenitori dello spagnolo c’è anche Henri Leconte, che ha elogiato la volontà di Nadal di migliorarsi sempre nonostante una bacheca ricca di trofei. L’ex numero 1 del mondo ha smentito tanti dei suoi detrattori, convinti che la sua carriera non sarebbe durata a lungo.

Leconte: "Nadal continua a migliorare ogni anno"

“Se ti fermi a pensarci, 12 Roland Garros in 15 anni è un risultato pazzesco. Quello che mi ha sorpreso di più è la sua capacità di evolversi, non soltanto fisicamente, ma anche dal punto di vista tecnico” – ha spiegato il finalista del Roland Garros 1988.

“È stato in grado di migliorare ogni anno, il che gli ha permesso di vincere sempre il Roland Garros, è fantastico. Mentalmente è fuori dal mondo” – ha aggiunto il francese. Rispetto all’inizio della sua carriera, Rafa ha imparato ad adottare uno stile di gioco molto più offensivo che gli consente di non disperdere troppe energie.

“Ai miei tempi, Sergi Bruguera era un po’ come lui. Quando dovevo affrontarlo sulla terra battuta, con il mio stile, sapevo già che era finita ancor prima di iniziare. Rafa è straordinario. Forse le persone non si rendono del tutto conto di quanto lo sia” – ha concluso Leconte.

Il circuito maschile riprenderà a metà agosto da Washington, che farà da preludio al Masters 1000 di Cincinnati e agli US Open. Nadal sarà chiamato a difendere ben 5360 punti, essendosi imposto sia a New York che a Parigi lo scorso anno.

Vedremo se l’iberico disputerà entrambi i tornei o se opterà per concentrarsi solo sul Roland Garros.