Rafael Nadal: "La mia Accademia sta diventando un punto di riferimento mondiale"



by   |  LETTURE 1947

Rafael Nadal: "La mia Accademia sta diventando un punto di riferimento mondiale"

Rafael Nadal ha fondato la sua Accademia a Manacor, in Spagna, con il principale obiettivo di renderlo un centro di sviluppo per tanti giovani emergenti. Durante il lungo periodo della pandemia, la struttura dell’ex numero 1 del mondo ha elaborato un piano di espansione e rinnovamento.

L’Accademia vanta ora nove campi veloci all’aperto, 15 in terra battuta (sette dei quali saranno costruiti nel 2021), quattro campi indoor in cemento e ben sette in terra rossa, senza dimenticare un campo da calcio, sette campi da paddle, un campo da Padbol, due da squash, una piscina semiolimpionica, una piscina all’aperto, un centro fitness e un centro benessere.

Nel corso di una recente intervista, il 19 volte campione Slam ha spiegato quanto sia importate l’espansione dell’Accademia per renderla un punto di riferimento per i ragazzi.

Nadal: "Stiamo diventando un punto di riferimento internazionale"

“Attraverso questo processo di espansione, cerchiamo di avvicinarci a ciò di cui ha bisogno un centro sportivo di riferimento internazionale.

L’espansione significa molto per i giocatori perché a Maiorca ci sono alcuni giorni in cui piove e talvolta non riescono ad allenarsi nella condizioni che meriterebbero” – ha dichiarato il 12 volte campione del Roland Garros.

“Con questo incremento dei campi al chiuso stiamo facendo un salto molto rilevante in termini di qualità, poiché il servizio che forniremo ai giovani e agli adulti sarà persino migliore di quello che possiamo offrire in questo momento.

Avremo inoltre l’opportunità di ospitare eventi che potrebbero essere importanti per l’intera comunità” – ha aggiunto Nadal. Non sono mancati i riconoscimenti dall’esterno per il lavoro svolto.

“Sono felice perché molte persone provenienti da tutto il mondo saranno in grado di usufruire di strutture migliori, oltre ad offrire un servizio migliore a tutti i fan di Manacor e Maiorca. Mi sento di dire che stiamo diventando un punto di riferimento per i giovani atleti di tutto il mondo” – ha concluso il maiorchino, che nella seconda metà del 2020 proverà ad eguagliare il record di 20 titoli Slam di Roger Federer (fermo fino al 2021).