Gasquet: "Già a 12 anni si capiva che Rafael Nadal sarebbe diventato fortissimo"



by   |  LETTURE 3045

Gasquet: "Già a 12 anni si capiva che Rafael Nadal sarebbe diventato fortissimo"

Tutti sanno che Richard Gasquet è stato investito da innumerevoli aspettative quando era più giovane, soprattutto dopo essersi aggiudicato il Roland Garros junior nel 2002. Una volta diventato professionista, il francese non è riuscito ad esprimere a pieno il suo talento, mettendo comunque in bacheca 15 titoli ATP e vantando un best ranking da numero 7 ATP.

Una delle bestie nere del transalpino è stato certamente Rafael Nadal, che lo ha battuto in tutti e sedici gli scontri diretti nel circuito maggiore. Non tanti sono a conoscenza del fatto che Gasquet sconfisse Nadal quando si incontrarono per la prima volta all’età di 12 anni durante un torneo a Tarbes.

Intervistato recentemente dal quotidiano L’Equipe, Richard ha confidato di aver intravisto sin da subito l’enorme potenziale del maiorchino (futuro numero 1 del mondo e re indiscusso della terra).

Gasquet: "I Big 3 hanno la capacità di migliorarsi anno dopo anno"

“Tutti già mi parlavano bene di lui.

Questo è uno dei problemi in Francia. Quando sei giovane ti caricano di tantissime aspettative e pressioni, mentre in Spagna cresci con maggiore tranquillità. Ricordo che c’era enorme attesa quando ci affrontammo al terzo turno del Roland Garros 2005.

Lui era troppo forte e alla fine vinse il torneo” – ha ricordato Gasquet, che fu annichilito con un sonoro 6-4 6-3 6-2 nonostante il tifo del suo pubblico. “Adesso è un tennista molto migliore rispetto ad allora.

Gioca a tutto campo, mentre in passato era uno specialista della terra rossa. Rafa, Roger Federer e Novak Djokovic hanno la capacità di migliorare qualcosa nel loro gioco anno dopo anno. È assurdo, molti di noi hanno effettuato meno progressi in tutta la loro carriera di quanti loro non ne abbiano fatti in un singolo anno.

Non riesco nemmeno a spiegarlo. Noi non possiamo riuscirci, mentre loro ne sono in grado” – ha aggiunto. Il 33enne di Beziers è indietro 18-2 nei precedenti con Federer (avendolo sorpreso due volte sulla terra battuta) e 13-1 negli head-to-head con Nole, arresosi soltanto al Masters di Shanghai nel lontano 2007.