Nick Kyrgios: "Mi sono divertito tutta la notte prima di battere Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 3641

Nick Kyrgios: "Mi sono divertito tutta la notte prima di battere Rafael Nadal"

Tutti sanno che tra Rafael Nadal e Nick Kyrgios non corre esattamente buon sangue. Sebbene il fenomeno spagnolo conduca 5-3 nel bilancio degli head-to-head, l’australiano è quasi sempre riuscito a dargli del filo da torcere dando vita a battaglie equilibrate ed emozionanti.

Il 19 volte campione Slam non ha sempre apprezzato i comportamenti del talento di Canberra e i due non si sono risparmiati critiche, soprattutto dopo il loro match ad Acapulco lo scorso anno. Nel corso di un recente podcast con l’amico e comico Elliot Loney, Nick ha ricordato di aver festeggiato tutta la notte prima di affrontare l’ex numero 1 del mondo.

Il riferimento (non esplicito) dovrebbe essere alla vittoria di Kyrgios su Nadal al Masters 1000 di Cincinnati nel 2017 (quando l'Aussie si impose con un netto 6-2 7-5).

Kyrgios: "Avevo ancora i postumi della sbornia"

“Non potevo crede che stessi battendo Nadal così facilmente” – ha ricordato Loney.

“Non soltanto stavi dominando contro uno dei migliori giocatori al mondo, ma eri stato fuori con noi tutta la notte. Ero incredulo di come riuscissi a giocare a quel livello dopo aver trascorso tutta la serata fuori a divertirti” – ha aggiunto.

Kyrgios non ha smentito il racconto dell’amico: “Siamo usciti e siamo stati benissimo. Prima di scendere in campo, sapevo di dover servire bene e giocare in modo super aggressivo se volevo avere una chance. Non riuscivo nemmeno a muovermi, forse avevo ancora i postumi della sbornia”.

In conferenza stampa dopo la loro emozionante maratona ad Acapulco, Nadal non era stato tenero nei confronti del rivale: “Manca di rispetto al pubblico, al suo avversario e anche a se stesso”. La risposta di Nick non si era fatta attendere: “Lui può pensare quello che vuole, non mi interessa.

Non conosce la mia storia, non sa nulla di me, quindi non lo ascolterò affatto. Sono semplicemente me stesso”. Il maiorchino si è aggiudicato in quattro set gli ultimi due scontri diretti, andati in scena rispettivamente a Wimbledon 2019 e agli Australian Open 2020.