Un giovanissimo Rafael Nadal: “Non sono il favorito al Roland Garros”



by   |  LETTURE 1829

Un giovanissimo Rafael Nadal: “Non sono il favorito al Roland Garros”

Diventato ufficialmente un tennista professionista nel 2001, il maiorchino Rafael Nadal ha vinto il suo primo titolo ATP nell’agosto del 2004 a Sopot, in Polonia, sconfiggendo in finale in due set José Acasuso.

Nel febbraio dell’anno seguente, classificato al numero 48 del mondo, Rafa conquistò dapprima il torneo di Costa do Sauipe, poi quello di Acapulco ed infine sollevò anche il suo primissimo trofeo Masters 1000 della carriera in quel di Monte Carlo, battendo in finale l’argentino Guillermo Coria per 6-3 6-1 0-6 7-5.

Nelle settimane successive arrivarono i successi anche a Barcellona e a Roma, in cui tornò a sconfiggere Coria, stavolta in una battaglia di cinque set. In men che non si dica, Nadal si ritrovò così improvvisamente in top 5.

Nadal: "Non sono il favorito a Parigi"

Intervistato dopo la sua vittoria a Monte Carlo, quarto titolo in carriera del maiorchino, Rafa dichiarò: “Non sono il favorito al Roland Garros. Non ho mai giocato a Parigi e ora penso solo ai miei prossimi tornei di Barcellona, Roma ed Amburgo.

Adesso sto giocando bene, ma bisogna vedere se riuscirò a mantenere questo ritmo fino al Roland Garros. Se ci riesco, avrò una possibilità. Avrò una settimana libera dopo Barcellona e la userò per ricaricare le pile.

Dopo di che, parteciperò a due importanti eventi Masters, seguiti da un’altra settimana libera prima di Parigi. Giocare le finali dei Masters Series al meglio dei cinque set è una preparazione eccellente per i tornei del Grand Slam.

Negli eventi al meglio dei tre set sarebbe preferibile seguire la stessa formula anche in finale, ma questa è la regola”. Inutile ricordare che nell’edizione del French Open di quell’anno fu proprio Nadal a trionfare, superando in finale Mariano Puerta per 6-7 6-3 6-1 7-5.

Rafa, che effettivamente a Parigi non aveva mai giocato, diventò così per la prima volta il numero 3 del ranking ATP. In quella stagione rivelatasi tanto importante per il suo definitivo sviluppo, il maiorchino vinse anche a Bastad, Stoccarda, Montreal, Pechino e Madrid.