Moya: "Le vittorie di Rafael Nadal a Wimbledon mi hanno sorpreso"



by   |  LETTURE 2035

Moya: "Le vittorie di Rafael Nadal a Wimbledon mi hanno sorpreso"

Carlos Moya ha deciso di intraprendere la carriera da allenatore al fianco di Rafael Nadal alla fine del 2016, quando l'iberico stava vivendo uno dei momenti più difficili di tutta la sua carriera. I due hanno collezionato ben cinque Slam in tre stagioni, oltre ad avvicinarsi a grandi passi al record all-time di Roger Federer.

Tradizionalmente, i giocatori spagnoli hanno sempre brillato sulla terra rossa, mentre sono stati pochissimi quelli in grado di vincere anche sull’erba. Nel suo strepitoso palmarés, il fenomeno maiorchino vanta anche due sigilli a Wimbledon, datati rispettivamente 2008 e 2010.

Dopo aver rimediato alcune premature e inattese eliminazioni ai Championships, Rafa è tornato a brillare negli ultimi due anni a Church Road, arrendendosi in entrambe le circostanze ad un passo dalla finale per mano di Novak Djokovic e Roger Federer.

Moya sulle vittorie di Nadal a Wimbledon

“La famiglia di Rafa sa bene cosa significhi diventare uno sportivo professionista, questo aspetto lo ha aiutato molto” – ha confidato Moya durante un podcast di Eurosport.

“È incredibile che un ragazzo originario di Maiorca abbia vinto 19 Slam, tra cui 12 Roland Garros. Per me è stata una grandissima sorpresa che sia riuscito a vincere anche Wimbledon. Si è impegnato per migliorare anche su quella superficie un po’ ostica per gli spagnoli” – ha aggiunto.

Nadal e Moya non hanno mai dimenticato le loro origini: “Maiorca è un’isola tranquilla. Con l’atmosfera che abbiamo qui, prendiamo le cose in maniera molto rilassata. Anche Rafa è così. Una volta che scende in campo, diventa una bestia.

Non si arrende mai, continua sempre a lottare. Anche quando perde, sappiamo che farà comunque del suo meglio” – ha concluso ‘Charly’. Prima della sospensione del circuito per la pandemia, il maiorchino aveva raggiunto la finale all’ATP Cup e i quarti agli Australian Open, aggiudicandosi poi il titolo ad Acapulco senza perdere nemmeno un set.