Moya ricorda la vittoria di Nadal allo Us Open nel 2019: "Medvedev un muro"


by   |  LETTURE 2051
Moya ricorda la vittoria di Nadal allo Us Open nel 2019: "Medvedev un muro"

Rivale, amico, coach. Non si può certo dire che Carlos Moya abbia sempre ricoperto lo stesso ruolo nel corso della vita e della carriera di Rafa Nadal. Nel cuore di uno degli episodi di "Players Cut" dedicato da Eurosport proprio al diciannove volte campione Slam, Moya ha ripercorso le tappe dell'ultimo grande successo.

Quello sul cemento di New York. «Pensavamo che una partita lunga potesse favorire Rafa. Medvedev in estate aveva giocato veramente un sacco di match. Dopo i primi due set pensavamo ovviamente di essere molto vicini alla fine, per questo motivo quello che è successo dopo ci ha sorpreso molto.

Credo che a fare la differenza alla fine sia stata l'esperienza. Rafa è riuscito ad adattarsi quando Medvedev ha cambiato completamente piano tattico». Insomma: Nadal ha sempre vinto contro Medvedev, ma solamente a Montreal è riuscito a cavarsela senza difficoltà.

Basti pensare alla surreale sfida alle Finals e al clamoroso vantaggio di 5-1 nel terzo set che il russo ha dilapidato. «Medvedev è un muro. Non è facile interpretare bene le partite contro giocatori del genere.

Giocatori che stanno vicino alla linea di fondo, che si muovono bene nonostante l'altezza, che servono anche molto, molto bene». Photo Credit: Getty Images