Moya: "La fame di vittorie distingue Rafael Nadal dal resto dei giocatori"


by   |  LETTURE 1326
Moya: "La fame di vittorie distingue Rafael Nadal dal resto dei giocatori"

I Big 3 hanno dominato il tennis nell’era moderna come nessun altro nella storia di questo sport. Anche dopo aver oltrepassato la soglia dei 30 anni, Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno continuato a fare la voce grossa impedendo ai Next Gen di esplodere fino in fondo ad altissimo livello.

Nel corso di una recente intervista con Alex Corretja, Carlos Moya ha rivelato cosa differenzia i tre mostri sacri dal resto dei giocatori: “Quando ero un professionista, il mio obiettivo non era vincere cinque titoli dello Slam, era vincerne uno.

Dopo essere diventato numero 1, mi sentivo svuotato perché non avevo più obiettivi. Mi bastavano i traguardi che avevo raggiunto e poi sono caduto immediatamente. Con Rafa è diverso. Nonostante sia arrivato ad una fase avanzata della sua carriera, ha ancora una fame incredibile.

Vedo come lotta mentalmente durante tutto l’anno. Non credo che questo aspetto possa essere insegnato, è nei suoi geni. Forse lo si può affinare in qualche modo, ma c’è qualcosa di innato che consente ai Big 3 di continuare a fare la storia del tennis”.

Nadal, Federer e Djokovic sono in piena lotta per ricevere lo status di ‘GOAT’ alla fine delle loro strepitose carriere e il numero di Slam potrebbe fare la differenza.