Rafael Nadal si difende: "Non ricevo un trattamento preferenziale a Manacor"


by   |  LETTURE 6499
Rafael Nadal si difende: "Non ricevo un trattamento preferenziale a Manacor"

Rafael Nadal non ci sta. Il numero 1 del mondo ha scritto oggi una lettera aperta indirizzata ai media di Manacor, in cui descrive dettagliatamente il suo dolore per alcune accuse (soprattutto in relazione alla sua Accademia e al presunto trattamento favorevole che riceverebbe nella sua Manacor).

“Come per ogni persona, fa male ricevere attacchi ingiustificati e diffamatori che hanno come unico obiettivo quello di infangare il mio nome” – ha esordito il fuoriclasse spagnolo. “Volevo soltanto esprimere il mio senso di dolore e delusione.

Potrebbero esserci delle persone a cui non piace il modo in cui ho portato il nome di Manacor in giro per il mondo, ma penso che non ci siano dubbi sul fatto che mi sia impegnato con tutte le mie forze. Manacor e Porto Cristo sono tutto per me: qui vivo, mi alleno, ho la mia famiglia, i miei amici ed è lì che trascorro le mie giornate.

Inoltre, il 12 novembre scorso siamo stati accusati di non avere pagato l’IBI e le tasse sui rifiuti presso l’Accademia, un qualcosa di assolutamente falso, poiché i pagamenti corrispondenti all’IBI sono stati effettuati in ottobre e il primo pagamento per la tassa sui rifiuti era a novembre 2017.

Nell’Accademia ho investito una parte molto importante del mio patrimonio. Sono molto contento che più di 300 persone possano lavorarci, impegnandosi tutto l’anno per renderlo sostenibile in una piccola città" - ha aggiunto.