Evans: “Se scendo in campo è perché penso di poter battere Rafael Nadal”


by   |  LETTURE 3414
Evans: “Se scendo in campo è perché penso di poter battere Rafael Nadal”

Il tennista di Birmingham Daniel Evans, classe 1990 ed attuale numero 42 delle classifiche mondiali, è l’artefice del passaggio in semifinale della Gran Bretagna a Madrid grazie alla vittoria in tre set su Jan-Lennard Struff, col punteggio finale di 7-6 3-6 7-6 .

Evans ha dichiarato di essere del tutto pronto per un’eventuale sfida col numero uno del mondo Rafael Nadal, che con la Spagna ha avuto la meglio nel match decisivo contro l’Argentina capitanata da Gaston Gaudio: “Se ciò dovesse accadere”, ha detto Evans, “ci sarà un’atmosfera incredibile in campo e questo potrà mettere più pressione sulle sue spalle.

Se scendo per giocare è perché credo di poterlo sconfiggere. Se non lo pensassi, non avrebbe nemmeno senso entrare in campo”. La Gran Bretagna ha sconfitto nella partita precedente la Germania per 2-0, con la vittoria iniziale arrivata per mano del ventiquattrenne Kyle Edmund, che ha battuto 6-3 7-5 il veterano Philipp Kolschreiber.

Ancora dubbia invece la partecipazione nella prossima sfida dell’ex numero uno del mondo Andy Murray, alle prese con un problema alla coscia: “Potrebbe giocare”, ha affermato Leo Smith, capitano britannico, “ma non posso dire che sia nelle migliori condizioni”.

Spagna e Gran Bretagna si sono affrontate 14 volte nella storia della Coppa Davis, con la squadra d’oltre Manica che ha prevalso in 8 occasioni. L’ultimo scontro tra le due nazioni nel primo turno del World Group dello scorso anno, quando a vincere fu la Spagna per 3-1.