Nadal: "Non considerarsi mai troppo bravi è un esempio, non la rimonta"


by   |  LETTURE 3729
Nadal: "Non considerarsi mai troppo bravi è un esempio, non la rimonta"

Rafael Nadal, dopo aver annullato un match point ed essere stato sotto 5-1 nel terzo set, è riuscito a conquistare un’incredibile vittoria contro Daniil Medvedev. Nella conferenza stampa post-match, il campione spagnolo ha parlato delle sue condizioni fisiche ed espresso un giudizio sulla sua stagione.

“Dal punto di vista fisico sto bene, grazie per la domanda. Oggi, il servizio ha funzionato di nuovo bene. Penso sia stato un anno positivo per me. Ho vinto due tornei del Grande Slam ed i Masters 1000 di Roma e Montreal, restando sempre competitivo.

Ho raggiunto la finale agli Australian Open e diverse semifinali, sono stato molto solido e continuo durante l’anno. Considerando i problemi che ho avuto all’inizio della stagione, essere stato in grado di tornare in questo modo mi rende molto felice ed orgoglioso”.

Nadal ha poi voluto lanciare un messaggio molto importante per le future generazioni; un messaggio che può essere considerato il manifesto della carriera di uno dei più grandi sportivi della storia. “La rimonta di oggi può essere un esempio per tutti i ragazzini? No, gli esempi non valgono per un solo giorno.

Gli esempio sono tutti i giorni. La rimonta non è un esempio, rompere una racchetta sul 5-1 non è un esempio, perdere il controllo quando le cose non vanno bene non è un esempio. L’esempio giusto da seguire è quello di avere un atteggiamento positivo in campo, restare positivo, accettare che l’avversario stia giocando meglio di te.

La frustrazione arriva quando ti sentì troppo forte e non accetti gli errori. Io so che posso commettere degli errori e lo accetto. Questa è l’unica cosa. Non considerarsi mai troppo bravi, questo è l’esempio che posso tramandare ai ragazzi”.