Daniil Medvedev: "Rafael Nadal è una bestia. A Montreal mi ha mangiato"


by   |  LETTURE 8388
Daniil Medvedev: "Rafael Nadal è una bestia. A Montreal mi ha mangiato"

Daniil Medvedev ha battuto Grigor Dimitrov per tre set a zero raggiungendo la sua prima finale Slam in un'estate sul cemento americano da sogno per lui. Subito testa all'atto conclusivo contro Rafael Nadal: "È difficile trovare delle parole.

Molti giocatori e molte persone le hanno trovate prime di me. È uno dei campioni più forti nella storia di questo sport. È una macchina, una bestia in campo. L'energia che mostra è straordinaria.

Non sarà una cosa divertente da vivere ma comunque straordinaria. Nella finale di Montreal la sua energia era molto più alta della mia. Sul campo mi ha mangiato. So cosa aspettarmi e come prepararmi" Sul proprio carattere, Medvedev ha fatto una considerazione interessante: "Non dirò che sono una persona gentile o brava.

Posso solo dire che sono calmo. Non ho idea del motivo per cui i demoni spariscono dalla mia testa quando gioco a tennis. Soprattutto quando giocavo a livello juniores, avevo molti problemi col mio atteggiamento. Ricevere un game di penalità capitava con facilità.

Riflettevo sul perché accadeva perché nella vita normale non ero e non sono così. Ho lavorato tanto e a volte succede ancora..ma per farmi arrabbiare nella vita di tutti i giorni, devi fare qualcosa di folle per una settimana di fila.

Arrivare nel mio hotel, bussarmi alla porta alle 6:00 del mattino per sette giorni di fila. Allora sarò forse un po' arrabbiato" Infine sul perché questo Slam per lui è unico: "Non so cosa stia succedendo in questo US Open.

Vinco partite e basta. Ho commesso molti falli di piede, mi faceva male il quadricipite e quindi non ero concentrato a vedere la linea" Grigor Dimitrov: "Uno dei punti di forza di Medvedev è che a volte non sai dove serve, sia sulla prima che sulla seconda.

Nei punti importanti ti può mettere in confusione. Mette ogni palla in campo. Ti concede pochi punti"