Rafael Nadal: "amo il tennis, ma mi sono stancato degli antidolorifici"


by   |  LETTURE 15821
Rafael Nadal: "amo il tennis, ma mi sono stancato degli antidolorifici"

Rafael Nadal si racconta a Marca, racconta dei suoi infortuni che nonostante tutto non hanno mai minato il suo amore per il tennis. Il pensiero va a Barcellona, quando tutti abbiamo visto un Nadal in condizioni davvero precarie.

"non ne ho mai avuto abbastanza di giocare a tennis. Ma sono stanco, di provare dolore. Non è solo il dolore mentre gioco a tennis, intendo quello che sento fisicamente nella vita di tutti i giorni. Essere sempre doloranti è stancante e arriva un momento in cui bisogna fermarsi, per non oltrepassare il limite.

Come negli ultimi 18 mesi. Sono successe molte cose, molte le conoscete, la maggior parte no. Non c'è stato praticamente alcun torneo in cui non mi sia succeso qualcosa. A volte penso che sono stanco di andare avanti con anti-dolorifici, con soluzioni momentanee che a lungo andare ti fanno pensare che è meglio smettere.

A Barcellona la partita con Mayer è stato il punto più basso. Poi qualcosa ha cominciato a cambiare. Ho perso con Thiem, ma ho giocato una buona partita. Siamo andati avanti, con la squadra, che mi ha aiutato molto"

I pensieri vanno allo scorso anno: " ho giocato solo nove partite. La gente vuole che io giochi sempre, ma questo non lo posso fare da anni. Il mio calendiario è selezionato e focalizzato con il tentativo di preservare il fisico il più possibile.

E nonostante tutto i problemi li ho sempre" Anche all'inizio di carriera gli infortuni sembravano potessero condizionare il suo rendimento:"le prospettive dopo il mio infortunio al piede nel 2005 erano pessime.

I medici erano pessimisti. Poteva essere un colpo durissimo" Nadal, sa comunque di essere fortunato: "Sono una persona fortunata e non mi piace quindi ripetere tutte le cose che mi accadono. Ed è meglio che nessuno lo sappia quante risonanze, quanti trattamenti subisco. Quando ho dovuto mettere qualcosa sui social, non mi è piaciuto per nulla":