Medina Garrigues su Nadal: "nessuno vincerà mai più dodici Roland Garros"


by   |  LETTURE 1498
Medina Garrigues su Nadal: "nessuno vincerà mai più dodici Roland Garros"

Il capitano della selezione spagnola di Fed Cup, Anabel Medina Garrigues, ex numero 16 delle classifiche mondiali WTA, si è mostrata incredula di fronte alla conquista del 12° Roland Garros da parte del connazionale maiorchino, indicando quest'ultima come un'impresa che nessun altro giocatore sarà mai in grado di compiere: "tutte le parole sono sprecate per Rafael Nadal, è incredibile quello che ha costruito e come lo ha realizzato, a volte pensiamo possa essere immortale o che sia incarnato in un supereroe, ritenendo che quello che faccia sia normale ma non lo è"

L'ex giocatrice ha poi aggiunto: "penso che nessuno vedrà mai più un tennista vincere dodici Roland Garros e che non si rilassi nessuno, perché l'anno prossimo può benissimo arrivare a tredici.

E' vero, siamo sempre stati abituati a vederlo vincere tutti i tornei in terra prima di venire qui e trionfare a Parigi, invece quest'anno è forse arrivato con un pò più di dubbi. Ma è comunque riuscito a raggiungere un risultato impressionante vincendo in scioltezza il Roland Garros"

Alla domanda sul perchè il mancino delle Baleari sia in grado di raggiungere quei livelli di gioco nel Grande Slam francese, Medina ha spiegato che: "quando calpesta la terra rossa di Parigi penso che a Rafa vengano delle motivazioni in più, questo è il suo torneo preferito, qui ha perso solo due match in carriera, ed i suoi record su questi campi al meglio dei 5 set lo spingono a dare sempre il massimo su ogni punto in ogni partita, questa è la sua forza"

Nadal, che ha vinto 12 dei suoi 18 Grand Slam a Parigi, non deporrà le armi per molto tempo ancora secondo il pensiero dell'allenatrice spagnola: "non saranno quelle di quest'anno o del prossimo anno le sue ultime vittorie in un torneo del Grande Slam.

Rafa ha dimostrato di possedere un livello di tennis superiore, ha vinto Parigi cedendo solo due set agli avversari. Il suo problema è rappresentato dagli innumerevoli infortuni che lo hanno tenuto parecchio tempo ai box durante la sua carriera.

Ma quando non li ha patiti, ed ha potuto sviluppare bene il suo tennis, è sempre stato sensazionale, ha giocato cinque finali a Wimbledon, dove ha vinto due volte, per cui perchè non sognare di poterlo fare di nuovo", ha concluso.