Londero: "Incredibile incontrare Nadal sul centrale a Parigi"


by   |  LETTURE 3216
Londero: "Incredibile incontrare Nadal sul centrale a Parigi"

"Quando mi sono svegliato ieri il mio cuore andava a 1000 all'ora. Poche sensazioni nel mondo del tennis possono essere più speciali di sfidare il più forte giocatore sulla terra battuta in un campo così importante."

Juan Ignacio Londero si esprime così al termine di una settimana assolutamente positiva per il giocatore argentino. Nella sua prima apparizione in un Grande Slam, il venticinquenne ha dimostrato di essere un giocatore da prendere in considerazione, soprattutto sulla terra battuta, avendo dimostrato di saper reggere sia a livello mentale che fisico.

Londero ha lasciato il Roland Garros con la consapevolezza di poter giocarsela con tutti, anche con Nadal, e ai microfoni in conferenza stampa si è espresso così: "Oggi è stato come se avessi vinto il torneo, mi sento un campione, sono stato in grado di giocare una buona partita contro il più forte di sempre qui.

Pensavo che sarei stato molto più nervoso. Quando mi sono svegliato oggi, pensando a cosa avrei vissuto, il mio cuore andava a 1000 all'ora, ma cinque minuti prima della partita era come se qualcosa fosse cambiato.

Ho capito che dovevo uscire e dare tutto e sono molto felice perché penso di aver giocato bene " L'argentino ha poi proseguito "Questo torneo può essere una grande esperienza di apprendimento per me, avere la possibilità di vincere tre partite nel mio primo Grande Slam ed avere la possibilità di affrontare Nadal ...

Bhe, mi sento un campione", ha detto. Le sensazioni di Londero erano molto migliori del previsto, e così testimonia senza remore. "Sono molto contento del mio tennis odierno. A volte ho anche avuto l'impressione di poter vincere la partita.

Forse ho perso qualcosa con il servizio, in quel colpo serve molta testa. Il mio allenatore mi ha detto che ero molto nervoso, più del solito insomma, ma in realtà mi sentivo molto a mio agio. " Juan Ignacio non ha esitato a rispondere alla grande domanda che va oltre le menti di tutti i mortali: come ci si sente a giocare contro Nadal su questo campo? La risposta dell'argentino lascia trasparire una grande fiducia nei propri mezzi: "Ovviamente, la sua forma fisica è eccezionale e raggiunge palle che nessun altro giocatore può raggiungere, ma in un certo senso, mi aspettavo colpi più potenti da lui ", afferma, lasciando molti addetti ai lavori a bocca aperta.

"Non ha usato molti di quei colpi che ti disarmano completamente, l'ha fatto una volta, ma ho sentito che potevo competere in ogni momento facendo il mio tennis" Parole interessanti di Juan Ignacio Londero, sul quale anche Rafael Nadal ha speso parole di elogio, affermando che se dovesse continuare su questa strada potrebbe competere con i migliori per i grandi trofei su terra.