Rafael Nadal: "I miei 11 titoli a Parigi possono essere ripetuti"


by   |  LETTURE 3806
Rafael Nadal: "I miei 11 titoli a Parigi possono essere ripetuti"

Rafael Nadal crede che i suoi undici titoli al Roland Garros possano essere ripetuti. "Ciò che ho fatto qui è incredibile. Non so cosa accadrà in futuro. Sto dando il massimo per giocare bene e avere una possibilità.

Ora mi aspetta una partita difficile contro Kei Nishikori o Benoit Paire. Questo è il mio obiettivo ora. Ma sicuramente 11 trofei qui è qualcosa di pazzesco. E' difficile che qualcuno batta questo record ma se ce l'ho fatta io, che mi considero una persona normale, allora un altro potrebbe emulare questo traguardo"

Oggi compie 33 anni. Come sono cambiati i suoi compleanni a Parigi in termini di festeggiamenti nel corso degli anni? "Qui non molto. Negli anni in cui sono stato a casa, ho festeggiato di più. Farò un brindisi con le persone che lavorano per il torneo e probabilmente avrò una piccola cena coi miei cari.

Ma il giorno successivo gioco quindi non potrò fare grandi cose" Per la seconda volta nel torneo, sempre sul Philippe Chatrier, è andato a sbattere contro una telecamera. Ma Nadal crede che non sia colpa sua: "La telecamera non dovrebbe stare così vicina a me.

L'altro giorno all'ingresso in campo ho sbattuto la testa. Per fortuna indossavo un cappello quindi non mi sono fatto nulla. Sono stato su questo campo 3.000 volte per allenarmi e per giocare, la telecamera c'è sempre stata ma mai così vicina.

Spero non succeda nulla di serio": Infine sulla sua longevità: "Dicevano che avrei avuto una carriera cortissima per il mio stile di gioco. Si sono sbagliati. Nonostante tutti i problemi fisici, sono riuscito sempre a mantenere la motivazione alta.

A 18 anni quando ho giocato qui per la prima volta nel 2005, pensare di poter essere ancora qui a 33 anni sembrava impossibile o incredibile"