Rafael Nadal: "Io, Roger Federer e Novak Djokovic in evoluzione continua"


by   |  LETTURE 3529
Rafael Nadal: "Io, Roger Federer e Novak Djokovic in evoluzione continua"

Interessante intervista rilasciata da Rafael Nadal a Marca, in cui spiega le ragioni del successo dei big3: "L'unica ragione per cui i giocatori di tennis come Federer, Djokovic o me sono ancora impegnati dopo così tanto tempo è l'evoluzione continua.Tutto nel mondo è in continua evoluzione e anche il tennis, Ovviamente lasci delle cose per la strada, come il fisico che non perdona, ma devi sostituirle aggiungendo cose che ti permettano di continuare ad aspirare a realizzare grandi cose.

Le ragioni sono l'amore e la passione per ciò che facciamo" Lo spagnolo è sempre stato considerato come un autentico fenomeno a livello fisico e mentale, ma non c'è dubbio che il suo talento sia smisurato.

Rafa dice la sua sull'argomento: "Il mito del fisico e della testa è molto bello, ma se la palla non viaggia forte e vicino alla linea non puoi raggiungere il numero 1 o vincere il Grande Slam. Puoi elogiare questi valori che possono aiutare fino a un certo punto, ma non bisogna perdere di vista la realtà.

Ho avuto la fortuna di sfruttare il talento che la natura mi ha dato, ma non tutti possono farlo"" Il tennis ha bisogno di stelle e referenti che perdurino nel tempo per generare attenzione anche al di fuori del nostro sport", ha detto lo spagnolo sul futuro del tennis.

"Non possiamo aspettarci che la prossima generazione realizzi la stessa cosa che abbiamo raggiunto noi, dobbiamo trovare altri metodi per attirare lo spettatore e continuare a creare aspettative...Come si fa?" Non sono un indovino.

Il mondo va così veloce che ci sono cose che non si possono digerire, ma devi sapere come vivere il momento e goderti le cose se continui a pensare a cosa succederà in futuro" Nadal analizza di nuovo la sua carriera, la sua vita: "Mi sono fatto male più del solito, ma la parte positiva che ho ottenuto da queste lesioni è che sono tornato sapendo come valutare ciò che stavo facendo.

Quando fai ciò che ti piace, non penso che tu possa parlare di sacrifici. Ho fatto le stesse cose che fanno i miei amici a Manacor, forse meno spesso, ma non ho rinunciato a nulla durante la mia infanzia o la mia giovinezza per il fatto che sono un tennista,Ho fatto festa, esco ancora quando posso, gioco a calcio e a golf"

In conclusione, un po' di filosofia made in Manacor: "Il successo è avere la sensazione di aver fatto le cose correttamente per evolversi, Ho avuto la capacità di ascoltare molte persone intorno a me e prendere le decisioni finali.

Il fallimento è non essere in grado di combattere quello che hai, perdere una partita non è un fallimento, il fallimento è fallire con te stesso "