Kuhn dopo il collasso a Miami: "Non tutti possono essere come Rafael Nadal"


by   |  LETTURE 3826
Kuhn dopo il collasso a Miami: "Non tutti possono essere come Rafael Nadal"

Nicola Kuhn ha spaventato tutti durante il suo match d’esordio a Miami contro il tedesco Mischa Zverev. La giovane promessa spagnola è crollata improvvisamente a terra a metà del terzo set a causa della forte umidità e, probabilmente, anche a causa del grande sforzo fisico.

In un’intervista al quotidiano “Marca” , Kuhn ha parlato del pericoloso accaduto e delle sue attuali condizioni. “Non mi piace rivedere quelle immagini perché è stato un momento terribile” , ha dichiarato il diciannovenne spagnolo.

“Come giocatore d’élite, devi affrontare queste situazioni. Molte persone parlano di idratazione e di prodotti energetici, ma se fosse così facile, tutti lo farebbero. Se le cose non sono andate bene è perché non mi sono preparato correttamente.

Non tutti possono essere come Rafael Nadal, che vince ancora e ancora il Roland Garros. L’unica cosa che ricordo è aver disputato il terzo gioco dell’ultimo set. Improvvisamente, ho visto tutto bianco e quando sono crollato volevo solo lasciare il campo, perché non mi reggevo in piedi e non riuscivo a sopportare il dolore.

Sento ancora dolore, nonostante mi avessero detto che sarebbe passato in pochi giorni. Mi riprenderò giorno dopo giorno, starò meglio. Sono fisicamente ben preparato, ma a Miami le condizioni erano molto complicate, c’era troppa umidità ed ho sentito la pressione della partita.

Analizzerò con calma quanto accaduto, mi sottoporrò a delle prove e il mio team mi riporterà sulla giusta strada. I risultati arriveranno sicuramente”.