Zio Toni: "Non ho mai visto Rafael Nadal come un genio"


by   |  LETTURE 2209
Zio Toni: "Non ho mai visto Rafael Nadal come un genio"

Nonostante gli innumerevoli successi ottenuti da Rafael Nadal sul campo da tennis, suo zio Toni non ha assolutamente intenzione di dipingerlo come un genio. Durante un’intervista concessa a Bein Sports, il 57enne spagnolo ha infatti commentato: “Non l’ho mai visto come un genio, anche se molta gente mi ha detto che è una persona straordinaria.

Non considero nessuno straordinario, nemmeno una persona che fa passare un pallina al di là della rete.” Toni ha ricordato anche gli inizi di suo nipote: “Quando vinse il suo primo campionato spagnolo, ho chiesto che mi venisse data la lista degli ultimi 20 vincitori del torneo.

Gli ho letto la lista e gli ho detto che molti di quei campioni spagnoli erano finiti nel dimenticatoio. In quel momento felice, ho voluto fargli capire che doveva continuare a lavorare e non accontentarsi di quello che aveva raggiunto.”

Inizialmente, Rafa eseguiva anche il diritto a due mani: “Ha cominciato a giocare entrambi i colpi a due mani e se la cavava bene, ma a dieci anni gli ho chiesto quanti giocatori conoscesse che giovano il dritto a due mani. Lui mi rispose che non conosceva nessuno e io gli dissi che non sarebbe stato il primo.

Non sapevo nemmeno se prediligesse la destra o la sinistra. Solo successivamente ho notato che colpiva la palla più forte con la mano sinistra, non con la destra. Ma è mancino unicamente quando gioca a tennis.”