Rafael Nadal: "Non ero pronto fisicamente a sfidare Novak Djokovic"


by   |  LETTURE 6873
Rafael Nadal: "Non ero pronto fisicamente a sfidare Novak Djokovic"

In un'intervista a Banco Sabadell, Rafael Nadal ha parlato della finale degli Australian Open 2019 persa per tre set a zero contro Novak Djokovic. Tutti si aspettavano un'altra battaglia come quella del 2012 quando il serbo vinse per 7-5 al quinto e così non è stato.

"Onestamente non avrei potuto fare di più - ha ammesso Nadal -. Ma in chiave futura, è meglio perdere così (in tre set) che dopo sei ore perché il mio corpo non avrebbe retto. Ho giocato questa finale senza avere un piano B, senza essere al meglio fisicamente.

Non ero preparato a livello fisico e non è arrivata nel miglior momento. Ma raggiungerla è stata una sorpresa perché, reduce da mesi difficili, ho vinto sei partite giocando più che aggressivo che mai.

Djokovic è stato migliore e quando questo succede devi congratularti con lui, stringergli la mano e continuare a lavorare. Credo che nel giro di due mesi sarò al massimo delle mie capacità. Sono stato il secondo giocatore migliore in un tabellone da 128.

È importante vedere il lato positivo, giocare con quel che si ha e dedicare tutto se stesso a qualcosa che quando ero piccolo rappresentava una passione. La natura mi ha dato la possibilità di fare ciò che amo, con l'aiuto delle persone giuste al mio fianco"

Sui suoi 11 titoli al Roland Garros, ha aggiunto: "Non è normale perché nessuno ci era riuscito prima. Ma mi sento una persona normale, e se ce l'ho fatta io qualcun altro può fare lo stesso.

Sarebbe bello, ma tante cose devono andare bene. All'Australian Open mi sono infortunato cinque volte, a Parigi soltanto una. Per il resto è andato tutto perfetto. In quelle due settimane, per tanti anni, devi giocare al massimo"