Nadal: "Non volevo rischiare di saltare anche gli Australian Open"


by   |  LETTURE 4291
Nadal: "Non volevo rischiare di saltare anche gli Australian Open"

Un problema ai muscoli addominali a Parigi-Bercy, un fastidio alla coscia a Brisbane. Sono stati due - e ironicamente inediti - gli infortuni che hanno tenuto Nadal lontano dal circus dal ritiro a Flushing Meadows. Nella conferenza stampa creata ad-hoc per spiegare i motivi del ritiro, proprio in Australia, il maiorchino ha analizzato la situazione: "Dalla risonanza è emerso un piccolo problema alla coscia sinistra. Mi dispiace, anche perché sentivo di stare bene, mi stavo allenando, avevo voglia di ricominciare. I medici mi hanno detto che se avessi giocato, avrei messo seriamente a rischio la mia partecipazione agli Australian Open. Mi sentivo pronto, ma la possibilità di trasformare un piccolo infortunio in un problema più grosso mi ha fatto riflettere attentamente". 

Spiegando come la decisione sia arrivata con un certo ritardo sulla tabella di marcia, Nadal si è detto cautamente ottimista: "Volevo consultare anche i medici in Spagna. E ci sono molte ore di differenza. Quindi ho preferito dormire, aspettare e contattarli. E anche loro mi hanno detto la stessa cosa".

L'obiettivo, quindi, è sempre lo stesso. Melbourne. "Adesso ho più di qualche giorno per prepararmi. Non è stata di certo una scelta facile, ma certamente la più sicura. Se gioco, è perché voglio vincere. Queste sono notizie difficili da accettare, ma sono fiducioso di poterci arrivare al 100%. L'anno scorso pensavo di stare peggio di così".