Shapovalov: "Non mi stupisce che Nadal, Wawrinka e altri si infortunino"


by   |  LETTURE 8306
Shapovalov: "Non mi stupisce che Nadal, Wawrinka e altri si infortunino"

Denis Shapovalov ha concluso la sua stagione al Masters 1000 di Parigi Bercy a fine ottobre, dove si è presentato visibilmente provato sul piano fisico; non a caso, poco dopo la sconfitta con Richard Gasquet, il giovane canadese ha annunciato il forfait dalle Next Gen ATP Finals di Milano.

La causa del ritiro è stato proprio l’eccesso di stanchezza fisica e mentale, che ha spunto Denis a staccare per qualche settimana per ricaricare le pile. Negli ultimi mesi, Alexander Zverev non ha perso occasione per affermare che la stagione tennistica dovrebbe essere più corta, e Shapovalov si è mostrato perfettamente d’accordo.

Zverev ha sottolineato questo problema un paio di volte, e di certo lo farò anche io” ha detto il classe ’99. “Deve cambiare qualcosa. Non si può continuare ad aggiungere settimane alla stagione e aspettarsi che ogni volta ci si presenti.

È una stagione lunga, e siamo obbligati a giocare tanti tornei. E poi c’è tutto il resto - il viaggio, cambiare hotel. Anche se in una settimana non ci sono tornei, devi comunque allenarti e prepararti al successivo.

Questo ti sfianca ed è ovviamente comprensibile come mai giocatori come Rafa [Nadal], Stan [Wawrinka] ed altri si infortunino”. “È impossibile chiudere la carriera senza infortuni, perchè c’è troppo tennis, troppo carico sul tuo corpo” ha aggiunto il canadese, che d’ora in poi propenderà per una programmazione più leggera.

Il prossimo anno mi organizzerò senz’altro in modo diverso” ha infatti precisato. “Sto imparando, proprio come sta imparando il mio team. Ho proprio finito la benzina nelle ultime due settimane.

Ci ho provato, ho dato tutto quello che potevo, ma non ce la facevo più. Ho sentito il bisogno di staccare: vedere la mia famiglia, riposarmi nell’off-season e presentarmi nel 2019 in forma e pronto a ripartire”.