Toni Nadal: "Ecco dove tornerà a competere Rafael"


by   |  LETTURE 8646
Toni Nadal: "Ecco dove tornerà a competere Rafael"

Parlando coi giornalisti giovedì, Toni Nadal ha rivelato importanti dettagli su quando suo nipote Rafael farà il suo ritorno nel circuito ATP. Il numero uno del mondo non giocherà Pechino e Shanghai ma non vuole concludere anzitempo la sua stagione e lavorerà per essere pronto per la breve parentesi europea indoor.

"Nell'ultima conversazione che abbiamo avuto Rafa mi ha detto che tornerà a Parigi e che non parteciperà allo swing asiatico perché non sarebbe pronto a competere - ha detto Toni -. Non c'è motivo per forzare il ritorno.

Ha già esperienza e se forza tutto si complica. A 32 anni ciò che deve fare è ciò che sta facendo, curarsi e non avere fretta". Marat Safin ha detto che nel tennis Nadal e Roger Federer continuano a dominare perché i giovani non sono abbastanza forti.

E Toni per certi versi concorda: "Lo diciamo da tanto tempo anche se nessuno si è espresso in questo modo. Le nuove generazioni hanno sempre sostituito quelle precedenti in tutti gli ambiti della vita. Questo non è successo e deve esserci una spiegazione.

Nel nostro caso all'inizio i migliori del mondo avevano poco più di 21 anni, c'era qualcuno più grande ma non così tanto, come Ferrero. È qualcosa di strano anche se credo che coincida col cambiamento della società e che i ragazzi ora non ci mettono l'impegno di prima e non la vivono in modo intenso.

Nel calcio succede la stessa cosa, con Cristiano e Messi che hanno vinto tutti i palloni d'oro degli ultimi anni, quando prima non accadeva. Vedi anche Djokovic, Rafa e Federer che hanno vinto 51 Slam e non hanno paragone, non c'è un trio nella storia del tennis che abbia vinto così tanto.

Ciò dà a loro un valore ancora più speciale". Nessuna sorpresa per i successi a Wimbledon di Novak Djokovic a Wimbledon e agli US Open: "Quando ha posto la sua attenzione sul tennis e ha messo da parte le vicende del passato è scattato il click.

Il prossimo anno sarà un grande avversario non solo per Rafa ma anche per tutti quelli che vogliono vincere qualcosa. Djokovic è stato il nostro grande rivale per tutta la vita, l'ho sempre messo al livello di Federer.

Quando le persone mi parlavano del Djokovic disperso ho sempre detto che quando voleva, sarebbe tornato perché è molto forte".