Goran Ivanisevic racconta Novak Djokovic: "È esigente, vuole sempre migliorare"

L'ex allenatore del numero uno al mondo ha parlato della loro rottura

by Gianluca Ruffino
SHARE
Goran Ivanisevic racconta Novak Djokovic: "È esigente, vuole sempre migliorare"
© Julian Finney/Getty Images

Conseguenza o semplice casualità, Novak Djokovic senza Goran Ivanisevic non sa più vincere. È quasi tempo di Roland Garros, secondo slam dell’anno, siamo a maggio e il serbo, tra infortuni e debacle, conta ancora zero titoli in bacheca nel 2024.

Ultimo passo falso la sconfitta agli Internazionali di Roma contro il cileno Alejandro Tabilo. Il serbo, che ha scelto Nenad Zimonjic come nuovo allenatore, cercherà di svoltare la sua stagione a Parigi, cercando di difendere titolo e primo posto.

Della sua situazione ha parlato proprio l’ex allenatore Ivanisevic. Nelle parole riportate dal quotidiano Blick ha spiegato il loro rapporto e quanto siano alte le pressioni per chi è cstretto a vincere sempre.

Le parole di Goran Ivanisevic

Queste le dichiarazioni dell’ex allenatore del campione serbo: "Quando alleni Novak Djokovic, tutto ciò che è inferiore alla vittoria di un titolo è un fallimento in qualsiasi torneo.

C'è molta pressione, Novak è molto esigente, vuole sempre migliorare. E se non sei in grado di gestirla, tanto vale non accettare il lavoro. La lingua mi ha aiutato molto, non c'erano barriere tra noi. Con Novak hai solo pochi secondi per spiegargli qualcosa, vuole sapere quindici cose alla volta, ma tu hai solo tre secondi per farlo.

Quindi devi cercare di riassumere tutto. Può essere difficile, ma con Novak mi sono divertito". Ivanisevic ha poi continuato: "È molto difficile evidenziare i suoi punti deboli: è forse una debolezza se sbaglia un colpo dopo 25 riprese? Ma è quello che abbiamo fatto, abbiamo lavorato molto sul suo servizio, soprattutto sulla seconda.

Abbiamo anche lavorato sul suo gioco posizionale a rete e sulle sue volée. A questo livello elevato, è tutta una questione di dettagli. È la stessa cosa per tutti i migliori giocatori, eppure sono tutti diversi.

Federer è sempre sembrato completamente rilassato durante gli allenamenti, mentre Nadal si allena così intensamente che sembra inseguito da 300 leoni”. L’ex tennista croato ha concluso parlando dei loro litigi durante i match.

"È successo più e più volte. Poi mi urlava di nuovo contro e tutti lo vedevano. A volte riuscivo a capirlo bene, a volte no. Forse voleva sapere qualcosa sul servizio e io dicevo qualcosa sulle nuvole. Allora Novak si arrabbiava con me, ma almeno si trattava di me.

Dopo cinque minuti si è calmato di nuovo, ha potuto sfogarsi e giocare liberamente. A volte nel tennis c'è bisogno di un piccolo shock per resettare la testa. Credo che la componente mentale sia il fattore più importante in questo sport" ha chiosato Ivanisevic.

Goran Ivanisevic Novak Djokovic
SHARE