Tommy Haas: "Novak Djokovic ha ancora fame di vittorie, sembra un ragazzino"

L'ex tennista ha parlato di tanti temi in conferenza

by Mario Tramo
SHARE
Tommy Haas: "Novak Djokovic ha ancora fame di vittorie, sembra un ragazzino"
© Aitor Alcalde/Getty Images

Il 2023 di Novak è stato senza dubbio tra le annate più importanti della sua carriera. Il campione serbo ha 36 anni ma nonostante ciò continua a mantere risultati a dir poco pazzeschi. 36 anni, tre titoli del Grande Slam nel 2023 e una finale persa solo alle battute finali a Wimbledon contro Carlos Alcaraz, l'unico che ha provato in qualche modo a tenergli testa.

Con questo 2023 Djokovic ha però probabilmente dimezzato i suoi detrattori chiudendo forse probabilmente con chiarezza la corsa al GOAT. 24 titoli Slam Djokovic, 22 Rafael Nadal e 20 Roger Federer e Nole non sembra neanche voler rallentare.

I suoi prossimi obiettivi sono le 400 settimane in vetta al Ranking, incrementare vittorie Slam e vincere le prossime Olimpiadi, grande evento che si terrà il prossimo anno. Novak Djokovic ha tutte le intenzioni di chiudere a chiunque il discorso GOAT e vuole continuare ancora a giocare e trionfare.

Il direttore del torneo di Indian Wells Tommy Haas, ex grande tennista del circuito, ha parlato così - ai microfoni di Tennis Magazine - riguardo il fenomeno serbo: "Djokovic ha 36 anni ma gioca e ha la fame di un adolescente.

È questa la sua mentalità. Quando racconta di come è cresciuto nella guerra nel suo paese ti impressiona sempre, lui aveva l'obiettivo di dare una vita migliore alla sua famiglia e voleva uscire dalla fame, sono cose che hai dentro, non si imparano, o ce l'hai o non ce l'hai".

Haas ha parlato anche del suo connazionale Alexander Zverev, tennista apparso in netta ripresa: "A poco a poco si sta avvicinando alla forma precedente, è un grande atleta e può ancora crescere. Il suo rovescio e la sua prima sono armi davvero potenti e che gli regalano tanti punti gratuiti, ma da ex giocatore credo ci siano ancora aspetti su cui lavorare.

Ad esempio sulla prima potrebbe scendere di più a rete e sul rovescio potrebbe tagliare e variare di più con la palla. In generale sta facendo progressi e si nota la crescita. La scuola tedesca? Stanno arrivando tennisti interessanti, ad esempio Max Schonhaus.

La gente sa quanto sia difficile arrivare in vetta, soprattutto adesso che i big si ritirano più tardi. Pete Sampras e Boris Becker si sono ritirati a 30 anni, Novak Djokovic ha 36 anni, è numero uno e non ha alcuna intenzione di ritirarsi".

Tommy Haas Novak Djokovic
SHARE