Novak Djokovic in difesa dei colleghi: "È un fallimento ciò che sta accadendo"

Il tennista serbo torna a difendere i colleghi

by Mario Tramo
SHARE
Novak Djokovic in difesa dei colleghi: "È un fallimento ciò che sta accadendo"
© Aitor Alcalde/Getty Images

Oltre a essere il più serio candidato alla nomea di GOAT del tennis Novak Djokovic è da sempre molto attento ai diritti del mondo del tennis, alla difesa dei suoi colleghi in un mondo dove spesso si incontrano tante difficoltà.

I Top Ten ovviamente non ne hanno, ma già chi è poco dopo la centesima posizione nel ranking, trova difficoltà nel sostenersi solo con questo sport. Anche per questo Nole, insieme ad altri tennisti, ha creato la PTPA, organizzazione che si occupa della situazione dei tennisti.

Djokovic e il canadese Pospisil sono i principali esponenti e il campione serbo è sempre attento ai problemi degli altri. Recentemente sono emerse nuove dichiarazioni di una riunione PTPA, parole che in tanti tra i colleghi hanno apprezzato, in primis la Top Ten femminile Ons Jabeur.

Nole ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Sono stato al posto di tutti quei tennisti che ora hanno gravi difficoltà economiche. Capisco la loro fatica e le loro difficoltà, so i problemi che hanno nel dover pagare le trasferte, gli allenatori e i fisioterapisti.

Alla fine se non hai il sostegno di una federazione forte avrai grossi problemi. Io vengo dalla Serbia e non avevo aiuti. Ora ho influenza e potere ovviamente e voglio utilizzarlo per migliorare le condizioni altrui". Il tennista continua e usa un tono molto critico: "Di solito parliamo dei tennisti che hanno partecipato agli US Open ed hanno guadagnato tanto, ma non si vede agli altri.

Ci sono tantissimi tennisti che non riescono a guadagnarsi da vivere con il tennis: maschile, femminile o doppio. Solo 400 tennisti tra queste competizioni riescono a vivere di tennis, tutto il resto no. Questa è una cifra molto bassa per uno sport globale come il nostro.

Rappresenta un vero fallimento per il mondo del tennis". Le parole di Djokovic mostrano una certa empatia del serbo verso i colleghi e in tanti apprezzano e discutono riguardo questa situazione. Ons Jabeur, coinvolta nei progetti PTPA, ha sottolineato: "Prima nessuno mi prestava attenzione, ora sono in Top ten e tutti ascoltano quello che dicono. Se ci pensi credo che questo non sia affatto bello".

Novak Djokovic
SHARE