Novak Djokovic racconta il rapporto con il figlio Stefan: "Nulla di meglio al mondo"

Il tennista serbo ha parlato del suo rapporto col figlio Stefan

by Gianluca Ruffino
SHARE
Novak Djokovic racconta il rapporto con il figlio Stefan: "Nulla di meglio al mondo"

La campagna britannica di Novak Djokovic sui campi di Wimbledon sta procedendo spedita e senza intoppi. Il tennista serbo punta dritto verso l’ottavo titolo nello slam britannico, che gli permetterebbe di raggiungere Roger Federer come tennista più titolato sull’erba dei Championship.

Tra le figure più importanti nel team del 23 volte campione slam ce n’è una in particolare che ha un ruolo cruciale nei successi di Nole: il figlio Stefan. In un’intervista rilasciata a Tennis Majors, il campione serbo ha parlato dell’importanza del figlio e del loro splendido rapporto.

Novak Djokovic: “Poter giocare con mio figlio è un piacere"

Djokovic ha rivelato quanto sia stimolante per lui potersi allenare con Stefan, il figlio di 8 anni. “Per me, poter giocare a tennis con mio figlio è un piacere immenso.

La sensazione che mio figlio ami e voglia praticare lo sport a cui ho dedicato la mia vita... è una cosa bellissima. Non c'è niente di meglio al mondo che sentirsi accanto a lui in campo” ha esclamato il più umano Djokovic.

Il serbo ha parlato delle somiglianze nello stile di gioco tra lui e il figlio. “Goran (Ivanisevic) scherza sempre sul fatto che i lob sono nel nostro sangue, che Stefan li ha ereditati da me. Ogni volta che c'è qualcuno in rete, sai che quello che sta per arrivare è un lob, il 99% delle volte è così (ride).

Oggi Stefan mi ha attirato con un drop shot verso la rete prima di fare il pallonetto” ha scherzato Djokovic. In conclusione il 36enne di Belgrado ha parlato di Carlos Gómez Herrera, ex tennista di modesto livello che da qualche mese fa parte del team di Djokovic.

“È il migliore amico di mio fratello Marko e uno dei miei migliori amici. Carlos ha giocato molti tornei con Marko, quindi in un certo senso è diventato un membro della nostra famiglia, una persona molto vicina a noi.

Mentre giocava ci siamo allenati insieme in molte occasioni. L'anno scorso, quando ha deciso di ritirarsi, abbiamo parlato e gli ho detto che volevo che si unisse alla mia squadra. Goran e il resto della squadra hanno accettato.

Oltre a essere il mio hitting partner e assistente tecnico, Charly è una persona molto organizzata. Contribuisce alla nostra squadra sia dal punto di vista logistico che analitico” ha raccontato Nole. Photo Credit: Getty Images

Novak Djokovic
SHARE