Djokovic: "È simbolico aver vinto il 23° Slam a Parigi. Io il GOAT? Non voglio dirlo"

Djokovic fa 23 a Parigi e in conferenza stampa racconta le emozioni di aver raggiunto questo nuovo grande traguardo

by Martina Sessa
SHARE
Djokovic: "È simbolico aver vinto il 23° Slam a Parigi. Io il GOAT? Non voglio dirlo"

La corsa ai titoli del Grande Slam ha un nuovo Re. Novak Djokovic vince il suo terzo Roland Garros e mette a freccia a sinistra: 20 Federer, 22 Nadal e il serbo che sorpassa di un’unità lo spagnolo. Una vittoria netta contro Casper Ruud nella finale di questa edizione dell’Open di Francia, ma soprattutto una delle più importanti.

“Uno delle più grandi, ovviamente. Sapevo che oggi in gioco c'era la storia, ma ho cercato di focalizzare la mia attenzione e i miei pensieri nella prepararsi di questa partita nel miglior modo possibile, per vincere come qualsiasi altra partita.

Non posso dire che non ci ho pensato, ma il mio team ha creato una buona bolla intorno a me. E ovviamente quando ho visto il suo dritto andare largo, ho sentito un enorme sollievo e sono stato sopraffatto da meravigliose emozioni.

Sì, ne sono molto felice e molto orgoglioso”, ha detto il nuovo numero uno del mondo in conferenza stampa. “Io il GOAT? Non voglio dire di esserlo perché è irrispettoso verso tutti i grandi.

Quindi mi sento come ogni grande campione della sua stessa generazione che ha lasciato un segno enorme, un'eredità, e ci ha aperto la strada in questo mondo. Quindi lascio quel tipo di discussioni su chi è sia il GOAT”.

Il titolo a Parigi

Djokovic ha vinto il primo torneo della stagione su terra battuta, dopo alcuni passaggi a vuoto nei precedenti appuntamenti. “L'ho detto all'inizio della stagione che i Grand slam sono le mie priorità, soprattutto in questa fase della mia carriera.

Arrivavo agli Open di Francia con una striscia non positiva sulla terra battuta. Non stavo giocando bene, non mi sono comportato bene nei tornei su terra battuta prima di Parigi. Ma non appena sono arrivato qui, mi sono sentito diverso, sai, in modo positivo.

Ho sentito di avere una possibilità, giocando contro chiunque al meglio di cinque. So che i più giovani sentano molta pressione a giocare contro di me ed è un bene avere questo vantaggio mentale”, ha detto il serbo in conferenza stampa.

“Quindi è in un certo senso simbolico che io abbia vinto il mio storico 23esimo qui al Roland Garros, lo rende ancora più dolce. Nulla togliere agli altri Slam, ma solo il Roland Garros è la montagna più alta da scalare per me credo nella mia carriera.

Ecco perché è ancora più soddisfacente”, ha concluso il campione Slam. Photo credits: @djokernole (Twitter)

SHARE