Djokovic: "Alcaraz è il giocatore da battere, ma a Parigi tutto dipende da Nadal"

Il serbo tornerà in campo a Roma dopo il forfait al Mutua Madrid Open

by Antonio Frappola
SHARE
Djokovic: "Alcaraz è il giocatore da battere, ma a Parigi tutto dipende da Nadal"

Novak Djokovic, dopo aver saltato il Masters 1000 di Madrid, è pronto per il suo debutto agli Internazionali BNL d’Italia. Il campione serbo farà il suo esordio domani alle ore 19:00 e troverà dall’altra parte della rete Tomas Martin Etcheverry, un avversario che il belgradese ha ammesso di non conoscere benissimo.

“È fantastico essere a Roma. Va tutto bene. Penso ci siano sempre delle cose che possono crearti fastidio a questi livelli. È normale, soprattutto quando non hai più 25 anni e hai bisogno di più tempo per recuperare.

Mi sento bene, mi manca la competizione. Adoro giocare qui. Roma è sempre stato un torneo positivo per me, ho avuto molti successi qui. È l’evento sulla terra battuta che ho vinto più volte. Spero possa servirmi, ancora una volta, come trampolino di lancio per il Roland Garros, dove voglio giocare al meglio” , ha dichiarato Djokovic in conferenza stampa.

Da Alcaraz a Nadal: le parole di Novak Djokovic

Il serbo perderà con ogni probabilità la vetta del ranking questa settimana: Carlos Alcaraz avrà bisogno di disputare un solo incontro al Foro Italico per riconquistare la prima posizione.

“È strano che non abbiamo mai fatto parte dello stesso tabellone quest’anno. Sarà meritatamente il numero uno dopo questo torneo. Sta giocando in maniera impressionante, livello altissimo. È il giocatore da battere su questa superficie.

Certo dipende anche se Rafael Nadal parteciperà o meno al Roland Garros, ma Alcaraz è sicuramente uno dei favoriti senza alcun dubbio. Ci siamo affrontati una sola volta lo scorso anno a Madrid, e a Roma potremmo incontrarci solo in finale.

Entrambi vorremmo giocare una finale così. Vediamo, il torneo è lungo. Ci sono molti grandi giocatori” . Sulla possibilità di non vedere Nadal in campo a Parigi, Djokovic ha infine spiegato: “Non cambierebbe nulla in termine di preparazione personale.

Cerco sempre di dare il meglio di me stesso. Naturalmente il torneo e tutto il mondo del tennis sarebbero colpiti dalla sua assenza a causa della sua storia a Parigi e, in generale, dell’impatto che Rafa ha avuto su questo sport.

La sua assenza in ogni torneo, specialmente quelli più importanti, ha sempre un impatto sul mondo del tennis. Sono sicuro che tutti vogliano vederlo in campo a Parigi. Anche a me piacerebbe, perché penso che per la competizione sia il massimo avere tutti i migliori giocatori del mondo.

Ho visto alcuni video dei sui allenamenti, sta cercando di prepararsi per il Roland Garros. Ovviamente non so cosa stia provando, ma sono sicuro che stia facendo del suo meglio per essere presente al Roland Garros. Vedremo cosa succederà” . Photo Credit: Getty Images

Alcaraz
SHARE