Djokovic è raggiante: "E' surreale aver raggiunto questo record. Sono lusingato"

Nole ha parlato del percorso che lo ha portato ad ottenere questo record

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Djokovic è raggiante: "E' surreale aver raggiunto questo record. Sono lusingato"

Novak Djokovic ha raggiunto questa mattina un record storico, che rimarrà a lungo nella storia del Tennis. Il fuoriclasse Serbo, superando la leggendaria Steffi Graf, icona degli anni Ottanta e gran parte degli anni 90, è diventato infatti il tennista con più settimane (378) in testa al ranking Atp nella storia di questo sport.

Un traguardo straordinario per il 22 volte campione Slam, che ha a lungo inseguito e finalmente raggiunto, anche dopo aver passato momenti difficili, in particolar modo nel 2022, annata che ha messo a dura prova, per le note vicende legate al mancato vaccino, la sua formidabile tempra.

Djokovic avrebbe festeggiato questa mattina, anche nel caso in cui Carlos Alcaraz ieri notte a Rio De Janeiro avesse superato Cameron Norrie, nella finale replay di Buenos Aires. Lo spagnolo in caso di successo avrebbe eguagliato il numero uno al mondo in testa al mondo (6980), ma Nole sarebbe comunque risultato davanti grazie ai migliori risultati nei quattro Slam, nelle ATP Finals e negli eventi obbligatori.

Tutta l'emozione di Djokovic per questo incredibile traguardo

Ai microfoni di TennisMajors.com Djokovic non ha nascosto tutta la sua emozione per questo immenso risultato raggiunto, ripercorrendo alcune tappe che gli hanno permesso di essere dov’è: "Non avrei potuto immaginarlo in quel momento, ad essere sincero", ha detto Djokovic a Dubai domenica, parlando delle sue speranze da bambino.

"Da bambino sognavo di diventare campione di Wimbledon, di essere il numero 1 al mondo. Ho realizzato questi sogni (nel) 2011. Dopo di allora, ovviamente, volevo di più. E voglio ancora altri risultati. "Naturalmente sono spinto dagli obiettivi.

Mi dedico a questo sport come chiunque altro. Ovviamente so che non mi viene consegnato, che devo guadagnarmelo. Naturalmente, è surreale in un certo senso essere per così tante settimane il numero 1 del mondo, eguagliare Steffi Graf, che è una delle più grandi di tutti i tempi del nostro sport, sia maschile che femminile. Essere tra questi nomi leggendari mi lusinga. Naturalmente ne sono molto orgoglioso" ha concluso il tennista di Belgrado. Photo Credit: Reuters

SHARE