Novak Djokovic incontra un'ex campionessa di Wimbledon a Dubai

Novak Djokovic è atterrato venerdì a Dubai

by Simone Brugnoli
SHARE
Novak Djokovic incontra un'ex campionessa di Wimbledon a Dubai

Novak Djokovic è atterrato venerdì a Dubai, dove disputerà il suo primo torneo dopo la straordinaria cavalcata agli Australian Open. Il fenomeno serbo si è aggiudicato il suo decimo titolo a Melbourne Park, lasciando per strada un solo set in tutto il torneo e agganciando Rafael Nadal a quota 22 Slam.

Come se non bastasse, il 35enne di Belgrado è tornato in vetta al ranking mondiale scalzando dal trono Carlos Alcaraz dopo 20 settimane di regno. Il pupillo di Goran Ivanisevic ha ribadito di essere il più forte in circolazione e sono in molti a ritenere che possa ambire nuovamente al ‘Calendar Grand Slam’, un’impresa titanica già sfiorata nel 2021.

Il numero 1 del mondo attende di sapere se potrà volare o meno negli Stati Uniti per giocare i Masters 1000 di Indian Wells e Miami. A causa del suo status vaccinale, Nole ha bisogno di un permesso speciale per entrare negli USA.

Ricordiamo infatti che lo stato di emergenza è ancora in vigore negli Stati Uniti e terminerà l’11 maggio.

Djokovic ha incontrato Marion Bartoli

Poco dopo il suo arrivo a Dubai, Djokovic ha incontrato Marion Bartoli e sua figlia Kamilya.

L’ex numero 7 del mondo, capace di vincere Wimbledon senza perdere nemmeno un set, ha appeso la racchetta al chiodo nel 2013. La francese ha sposato il calciatore belga Yahya Boumediene nel 2019 e dalla loro unione è nata Kamilya l’anno successivo.

Il 22 volte campione Slam ha avuto una lunga conversazione con Marion e ha salutato la piccola Kamilya con un abbraccio molto affettuoso. Negli ultimi dodici mesi, la Bartoli ha difeso spesso Djokovic dalle critiche e ha invitato l’opinione pubblica a rispettare le posizioni del serbo.

Di recente, Juan Carlos Ferrero ha messo in dubbio l’infortunio di Nole in Australia: “Non è assolutamente mia intenzione dargli del bugiardo, ma la storia dello strappo non mi convince. Strappo significa che il muscolo è rotto.

In tal caso, sarebbe stato impossibile per Djokovic muoversi in quel modo. Ovviamente Novak ha una resistenza pazzesca al dolore, ma la mia esperienza mi insegna che è impossibile”. Photo credit: Getty Images

Novak Djokovic Wimbledon
SHARE