Musetti su Djokovic-Alcaraz: "Siamo tennisti diversi. Devo concentrarmi su me stesso"

Il talento di Carrara si è soffermato sui primi due giocatori del ranking ATP

by Antonio Frappola
SHARE
Musetti su Djokovic-Alcaraz: "Siamo tennisti diversi. Devo concentrarmi su me stesso"

Analizzando il percorso di crescita che ha permesso a Lorenzo Musetti di entrare in top 20 e affermarsi come uno dei migliori talenti del Tour, è impossibile non non citare la vittoria del primo titolo ATP ottenuta ad Amburgo contro l'ex numero uno del mondo Carlos Alcaraz.

La partita che ha cambiato decisamente il destino del giocatore azzurro nell’evento tedesco è stata quella con Dusan Lajovic. A un passo dalla sconfitta, Musetti ha infatti annullato due match point e trovato il modo di ribaltare l’incontro.

Anche in finale con Alcaraz, l’italiano ha mostrato tutti i miglioramenti compiuti sotto il punto di vista mentale. non si è infatti lasciato condizionare dai cinque match point gettati alle ortiche nella parte finale del secondo set e nell’ultimo parziale ha giocato in maniera magistrale.

Le parole di Musetti su Djokovic e Alcaraz

In un’intervista rilasciata a ESPN, Musetti si è soffermato sui primi due giocatori del ranking, ovvero Novak Djokovic e lo stesso Alcaraz. “Copiarli non mi farebbe bene.

Siamo tutti giocatori diversi, con personalità diverse. Quello che ha fatto lo scorso anno Alcaraz è stato incredibile. Ha meritato tutto quello che ha ottenuto. Penso di dovermi concentrare sulla mia carriera, non pensare a qualcosa di diverso da quello che sono come tennista.

Penso che Alcaraz vincerà più tornei del Grande Slam, così come Nole. Solo lavorando solo farò un passo in avanti per avvicinarmi al loro livello” . Musetti ha poi descritto le sue prime esperienze nel mondo del tennis.

“Con mio padre giocavo solo per divertimento, ma avevo la possibilità di allenarmi in un circolo che distava quaranta minuti di macchina da casa. Viaggiavo tutti i giorni per allenarmi. È lì che ho conosciuto il mio attuale allenatore, il mio secondo padre ( si riferisce a Simone Tartarini, ndr) .

Nessuno può dirti se diventerai un ottimo giocatore o meno. Devi investire sul tuo futuro” , ha concluso Musetti. Photo Credit: Getty Images

Alcaraz
SHARE