Halys ricorda con piacere il suo match contro Novak Djokovic

La stagione di Novak Djokovic è iniziata come meglio non avrebbe potuto

by Simone Brugnoli
SHARE
Halys ricorda con piacere il suo match contro Novak Djokovic

La stagione di Novak Djokovic è iniziata come meglio non avrebbe potuto. Il fuoriclasse serbo si è aggiudicato l’ATP 250 di Adelaide, per poi conquistare il suo decimo Australian Open nonostante un infortunio al tendine del ginocchio sinistro.

Il 35enne di Belgrado ha rispettato i pronostici della vigilia lasciando per strada un solo set a Melbourne Park, dove non perde addirittura dal 2018. Il suo livello si è alzato in maniera esponenziale dagli ottavi in poi, come possono confermare i vari de Minaur, Rublev, Paul e Tsitsipas.

Oltre ad aver agganciato il suo eterno rivale Rafael Nadal a quota 22 Slam, Nole è tornato in vetta al ranking ATP scalzando dal trono Carlos Alcaraz dopo 20 settimane di regno. Il pupillo di Goran Ivanisevic ha dimostrato di essere ancora il più forte in circolazione e sono in molti a ritenere che possa ambire nuovamente al ‘Calendar Grand Slam’ (impresa già sfiorata nel 2021, quando si fermò ad una sola vittoria dal traguardo).

Il ‘Djoker’ tornerà in campo a Dubai a fine febbraio.

Djokovic è l'uomo da battere

Dopo aver superato il primo turno dell’ATP di Montpellier, il francese Quentin Halys ha ricordato il suo match contro Novak Djokovic andato in scena ad Adelaide.

Non avendo niente da perdere, il transalpino sfoderò un’ottima prestazione arrendendosi in due tiebreak dopo una bella battaglia. “Sono orgoglioso di aver messo in difficoltà una leggenda come Nole Djokovic, ma non mi accontento.

Mentre all’inizio ti basta fare una bella figura contro questi campioni, arriva un punto della tua carriera in cui vuoi batterli. Devo vincere più partite possibili per affrontarli regolarmente e continuare a migliorare” – ha spiegato Halys in conferenza stampa.

Il francese ha qualche rimpianto ripensando alla partita contro Stefanos Tsitsipas al primo turno degli Australian Open: “Non sono entrato bene in campo quel giorno. Non stavo bene, mi muovevo male e non sono riuscito a metterlo in difficoltà nei primi due set.

Nel terzo è andata un po’ meglio, ma la situazione era ormai compromessa. Sento che avrei potuto fare di più”. Photo credit: Getty Images

Novak Djokovic
SHARE