Djokovic: "Mio padre non sostiene la guerra. Il suo gesto è stato interpretato male"

Il campione serbo ha parlato delle polemiche createsi intorno a suo padre dopo il match con Rublev

by Antonio Frappola
SHARE
Djokovic: "Mio padre non sostiene la guerra. Il suo gesto è stato interpretato male"

Novak Djokovic ha raggiunto per la decima volta in carriera la finale degli Australian Open - la 33esima a livello Slam - e avrà la possibilità di riprendersi la vetta del ranking in una epica sfida contro Stefanos Tsitsipas.

L’ultimo atto del primo Slam del 2023 deciderà infatti il successore di Carlos Alcaraz. Prima di scendere in campo per affrontare Tommy Paul, il campione serbo ha dovuto fare i conti con le numerose notizie riportate dai media sulla vicenda che ha visto come protagonista il padre.

Nel corso del match tra Djokovic e Andrey Rublev alcuni spettatori hanno mostrato bandiere filorusse con la faccia di Vladimir Putin e costretto la polizia locale a intervenire. Un video pubblicato su YouTube ha mostrato Srdjan Djokovic in posa con l'uomo che reggeva la bandiera con il volto di Putin.

Quest’oggi, è stato impossibile non notare l’assenza di papà Srdjan nel box del figlio.

Djokovic sul padre: "Non mi ha fatto piacere vedere quel video, ma... "

“Ho visto, come tutti gli altri, quello che è successo ieri.

È un peccato che un’errata interpretazione dell'accaduto sia aumentata a dismisura. Ci sono state molte conversazioni con il direttore del torneo, i media e tutti gli altri. Le voci sono arrivate anche a me. Non ne ero a conoscenza fino a ieri sera.

Non mi ha fatto piacere vederlo, ovviamente. Mio padre, la mia intera famiglia ed io abbiamo vissuto diverse guerre negli anni Novanta. Come ha dichiarato già mio padre: siamo contro la guerra e non sosteniamo alcuna forma di violenza.

Sappiamo quanto sia devastante per le famiglie e per tutte le persone che vivono in uno scenario di guerra. Questa è la prima cosa che voglio dire" , ha spiegato Djokovic. "Mio padre ha incontrato i fan dopo ogni singola partita nella piazza principale per ringraziarli per il supporto.

Ha sempre scattato foto. La foto che ha fatto era di passaggio. Ho sentito cosa ha detto nel video. Ha detto saluti. Sfortunatamente alcuni media hanno interpretato male e in modo davvero sbagliato le sue parole. Mi dispiace. Spero che la gente capisca che non c’era assolutamente alcuna intenzione di sostenere alcun tipo di iniziativa bellica o qualcosa del genere.

Mio padre, come ho detto, era di passaggio. C’erano molte bandiere serbe in giro. Questo è quello che pensava. Pensava di fare una foto con qualcuno dalla Serbia. Questo è tutto. È andato avanti. Non è piacevole per me affrontare tutto questo considerando tutte ciò che ho dovuto affrontare l’anno scorso e quest’anno in Australia.

Non è qualcosa che voglio o di cui ho bisogno. Spero che possiamo concentrarci sul tennis. Non è stato piacevole non averlo nel box. È una decisione che abbiamo preso insieme. Solo non sapevo come andranno a finire le cose.

Spero che sarà presente perché mi piacerebbe averlo nel box per la finale” . Sulle comunità serbe e greche che sosteranno rispettivamente lui e Tsitsipas, Djokovic ha poi aggiunto: “Spero che tutte le persone che verranno ad assistere alla finale saranno qui per vedere il tennis.

È quello che desideriamo tutti. Ci auguriamo che i giocatori e i fan si concentrino sul tennis, celebrino questo bellissimo sport e si godano una delle partite più speciali dell’anno. Parliamo di una finale Slam.

Sono davvero elettrizzato e onorato di poter giocare la finale contro Tsitsipas. Le comunità serbe e greche sono grandi. Storicamente sono due comunità che vanno molto d’accordo. Non penso ci sarà alcun conflitto dentro e fuori dal campo.

Sono fiducioso che le persone sosteranno e rispetteranno i rispettivi giocatori. Vedremo cosa succederà” . Photo Credit: Getty Images

SHARE