Woodbridge mette in dubbio l'entità dell'infortunio di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 3038

Woodbridge mette in dubbio l'entità dell'infortunio di Novak Djokovic

Novak Djokovic si è procurato un infortunio al tendine del ginocchio sinistro poco prima dell’inizio degli Australian Open. Il fuoriclasse serbo ha comunque vinto il titolo ad Adelaide, ma si è presentato a Melbourne non in perfette condizioni.

L’ex numero 1 del mondo, che va a caccia del suo decimo sigillo ‘Down Under’, ha accusato qualche problema nei primi tre round dell’Happy Slam, per poi sfoderare una prestazione da urlo contro Alex de Minaur negli ottavi.

Il 35enne di Belgrado si è sbarazzato senza difficoltà del padrone di casa, che è stato per larghissimi tratti impotente al suo cospetto. Il prossimo ostacolo sul cammino di Nole risponde al nome di Andrey Rublev, che ha eliminato un po’ a sorpresa Holger Rune.

È inutile ribadire che il ‘Djoker’ è il grande favorito per la conquista del titolo, a maggior ragione dopo le eliminazioni di Rafa Nadal e Daniil Medvedev. In una lunga intervista rilasciata a ‘Wide World of Sports’, la leggenda australiana Todd Woodbridge ha messo un po’ in dubbio l’entità dell’infortunio di Djokovic alla gamba sinistra.

Djokovic ha asfaltato de Minaur

“Novak Djokovic dà qualche segno di sofferenza tra un punto e l’altro o durante i cambi di campo. Tuttavia, non sembra avere alcun problema nei movimenti quando la palla è in gioco” – ha analizzato Woodbridge.

“Non dico che stia mentendo sul suo infortunio al ginocchio, è abbastanza chiaro che abbia qualche problema, ma non è così grave. Come abbiamo già visto in passato, Nole usa queste situazioni anche per motivarsi e aizzare la folla” – ha aggiunto.

In conferenza stampa dopo la partita contro de Minaur, Djokovic ha ammesso che la sua gamba sta migliorando: “Oggi molto bene, non ho sentito alcun dolore. Devo ringraziare il mio fisioterapista e Dio. Non voglio esaltarmi troppo presto, ma sono ancora in corsa.

Nel primo match mi sono sentito molto bene, nel secondo no. Le cose possono cambiare molto velocemente. Ad ogni modo, sono contento di come mi sono mosso stasera e spero di continuare su questa strada”. Photo credit: Getty Images