'Era l'unico a crederci davvero': Mouratoglou svela il segreto di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 2119

'Era l'unico a crederci davvero': Mouratoglou svela il segreto di Novak Djokovic

Novak Djokovic è riuscito nell’impresa di spezzare l’egemonia di Roger Federer e Rafael Nadal, affermandosi come uno dei più grandi di sempre. L’ex numero 1 del mondo è ancora in gran forma a 35 anni e sta cercando di battere altri record.

Il fenomeno serbo sta provando a vincere il suo decimo titolo agli Australian Open, che gli permetterebbe di agganciare Nadal a quota 22 Slam. Il 35enne di Belgrado ha accorciato il gap trionfando a Wimbledon l’anno scorso, dopo che lo spagnolo si era imposto agli Australian Open e al Roland Garros.

Con Rafa fuori dai giochi a Melbourne, Nole ha una ghiotta opportunità per pareggiare i conti. Il ‘Djoker’ non è al 100% a causa di un problema al tendine del ginocchio sinistro, che non gli ha comunque impedito di raggiungere gli ottavi di finale.

Il pupillo di Goran Ivanisevic ha sconfitto Grigor Dimitrov in tre set lottati e affronterà il padrone di casa Alex de Minaur per un posto nei quarti. In un video pubblicato su Instagram, Patrick Mouratoglou ha spiegato cosa ha permesso a Djokovic di arrivare in cima.

Mouratoglou esalta Nole Djokovic

“Quando Roger Federer e Rafael Nadal stavano dominando il circuito maschile in lungo e in largo, quasi tutti i Top 10 non pensavano che fosse possibile vincere uno Slam con quei due nei paraggi” – ha raccontato Mouratoglou.

“Poi un ragazzo di 19 anni ha avuto il coraggio di dire che li avrebbe battuti. Quel ragazzo si chiamava Novak Djokovic. Il mondo del tennis pensava che fosse un tipo arrogante per via di quelle dichiarazioni. Non era arroganza o sfrontatezza, ma fiducia nei propri mezzi.

È riuscito a farlo non perché lo abbia detto in anticipo, ma perché ci credeva veramente” – ha aggiunto Patrick. In conferenza stampa dopo la partita contro Dimitrov, Nole ha parlato del suo infortunio: “In questo e negli altri match mi sentivo abbastanza bene all’inizio, poi la situazione è peggiorata.

Ci sono delle circostanze che puoi solo accettare. Sono grato di aver potuto giocare”. Photo credit: Getty Images