Novak Djokovic: "Non so cosa mi aspetta, oggi è stata dura. Cercherò di resistere"



by   |  LETTURE 3392

Novak Djokovic: "Non so cosa mi aspetta, oggi è stata dura. Cercherò di resistere"

Novak Djokovic ha raggiunto per la quindicesima volta in carriera gli ottavi di finale agli Australian Open. Il campione serbo ha sconfitto in tre set molto combattuti Grigor Dimitrov ed è riuscito a gestire i problemi alla gamba sinistra.

Nel terzo parziale, il serbo è apparso in difficoltà dal punto di vista fisico e si è affidato al servizio e alla sua solida difesa per non permettere al bulgaro di rientrare nel match. Il suo prossimo avversario sarà Alex de Minaur, che potrà contare sul supporto del pubblico di casa sulla Rod Laver Arena.

Djokovic: "Cercherò di resistere. Oggi è stata dura"

In conferenza stampa, Djokovic ha parlato della fiducia che gli ha conferito la vittoria del tie-break portato a casa con il punteggio di 9-7 annullando due set point.

“È stato importante, così come gli altri game. Penso sia stato uno dei momenti più importanti della partita. Prevalere e passare in vantaggio è stato fondamentale. Essere un set sopra o sotto fa una grande differenza sia mentalmente che fisicamente" , ha dichiarato il serbo.

"Il primo parziale è stato molto equilibrato. Ho iniziato il match davvero bene, mi sentivo bene. Poi ci sono stati molti alti e bassi per quanto riguarda il problema alla gamba. Ho trovato il modo di vincere un match molto elettrizzante, una grande battaglia durata più di tre ore.

Se avessi perso un set, la partita sarebbe diventata davvero molto lunga. Sono stato fortunato a superare il turno in tre set. Infortunio? Ho sempre iniziato bene le partite, inclusa quest’ultima, poi faccio alcuni movimenti durante il match e la situazione peggiora.

Le pillole fanno effetto, utilizzo alcune creme. Questo funziona per un po’ di tempo, poi l’effetto svanisce e dopo qualche minuto funziona di nuovo. È come stare sulle montagne russe, onestamente. Questo richiede molta energia mentale e fisica.

Devo gestire la partita, il mio avversario e delle condizioni fisiche non ideali. Ma le cose stanno così. È una situazione che devi accettare. Sono davvero grato di avere la possibilità di giocare. Per come apparivano le cose prima dell’inizio del torneo, pensavo che non avrei potuto giocare.

Sono ancora qui e cercherò di resistere. Non volevo ritirarmi all’inizio del torneo, perché volevo vedere come avrebbe reagito il mio corpo in campo. La prima partita è stata ottima, nella seconda ho fatto molta fatica.

In alcuni momenti è stato davvero difficile. Anche oggi. Sono stato in grado di sopravvivere. Non so cosa mi aspetta, ma spero che le cosa vadano nel migliore dei modi” . Photo Credit: Reuters