Dopo Rafael Nadal, anche Novak Djokovic critica le palline

Novak Djokovic non ha avuto problemi nel suo match di esordio agli Australian Open 2023

by Simone Brugnoli
SHARE
Dopo Rafael Nadal, anche Novak Djokovic critica le palline

Novak Djokovic non ha avuto problemi nel suo match di esordio agli Australian Open 2023. L’ex numero 1 del mondo ha avuto la meglio sullo spagnolo Roberto Carballes Baena sulla Rod Laver Arena, ostentando una buona condizione fisica in attesa di test più severi.

Il fuoriclasse serbo va a caccia del suo decimo sigillo a Melbourne Park, che gli permetterebbe di ‘vendicare’ l’esclusione dello scorso anno e di agganciare il suo eterno rivale Rafael Nadal a quota 22 Slam.

Lo spagnolo è stato eliminato al secondo turno dall’americano McDonald e ha accusato un infortunio all’anca. Nole farà tutto il possibile per imporsi nuovamente ‘Down Under’, dove non perde addirittura dal 2018.

Il 35enne di Belgrado ha accusato un infortunio al tendine del ginocchio sinistro durante il torneo di Adelaide, ma sembra poter gestire la situazione senza troppe difficoltà. L’obiettivo di Novak è quello di crescere con il passare dei turni, per poi giocarsi tutte le sue carte nella seconda settimana.

In conferenza stampa, è stato chiesto a Djokovic di esprimere un parere sulle nuove palline Dunlop. I più attenti ricorderanno che Nadal era stato molto critico al riguardo.

Djokovic critica le palline

“Le palline sono cambiate quest’anno e la differenza si nota.

Ci sono più scambi e il tempo di gioco aumenta. Dopo qualche minuto, la pallina diventa più grande e non è facile dargli la giusta spinta. Le condizioni sono più lente in questo modo” – ha spiegato Djokovic.

“Ho visto che Popyrin ha impiegato quattro ore per vincere il suo match, mentre a Ruud sono servite tre ore e mezza. Penso che quest’anno assisteremo a partite più lunghe e uno dei motivi principali sono le palline.

Non credo che la velocità dei campi sia cambiata molto rispetto agli anni passati: i campi esterni sono abbastanza rapidi, mentre gli stadi principali sono più lenti. Il problema è che la pallina è più lenta e questo influisce sul gioco” – ha aggiunto il 21 volte campione Slam. Nole affronterà Enzo Couacaud al secondo turno degli AO. Photo credit: Getty Images

Rafael Nadal Novak Djokovic Australian Open
SHARE