'Ripenserà a quei giorni': McEnroe riflette sullo stato d'animo di Novak Djokovic

Novak Djokovic ha cominciato la nuova stagione aggiudicandosi l’ATP 250 di Adelaide

by Simone Brugnoli
SHARE
'Ripenserà a quei giorni': McEnroe riflette sullo stato d'animo di Novak Djokovic

Novak Djokovic ha cominciato la nuova stagione aggiudicandosi l’ATP 250 di Adelaide la scorsa settimana, una buona iniezione di fiducia in vista degli Australian Open 2023. Il fuoriclasse serbo vuole sicuramente prendersi la rivincita a Melbourne (dove non perde dal 2018) dopo i fatti dello scorso anno, che avevano portato alla sua clamorosa espulsione dal Paese.

Il nuovo governo ha revocato il ban di tre anni che gravava sulla sua testa e Nole partirà con i favori del pronostico nel primo Major stagionale. Il 35enne di Belgrado andrà a caccia del suo decimo sigillo ‘Down Under’, che gli permetterebbe di agganciare Rafael Nadal a quota 22 Slam.

Il ‘Djoker’ si è adattato molto bene al clima australiano e i fan gli hanno riservato un’accoglienza positiva, almeno ad Adelaide. Nella seconda parte del 2022, il pupillo di Goran Ivanisevic ha dimostrato di essere ancora l’uomo da battere.

Novak ha vinto Wimbledon e le ATP Finals di Torino, chiudendo l’anno in Top 5 pur avendo dovuto saltare due Slam e tutti i Masters 1000 americani. Ai microfoni di Eurosport, John McEnroe ha riflettuto sullo stato d’animo di Djokovic alla vigilia degli AO.

Djokovic è ancora molto affamato

“Novak Djokovic ha iniziato molto bene la stagione, ma quando arriverà a Melbourne la sua mente ripenserà inevitabilmente ai fatti dell’anno scorso” – ha spiegato McEnroe.

“Posso solo immaginare come si sia sentito quando è stato espulso dall’Australia. Gli ci è voluto del tempo per riprendersi completamente, ma nella seconda parte del 2022 è stato devastante.

Ha ritrovato il suo miglior tennis proprio a Wimbledon e ha messo in cascina diversi titoli in autunno. Si è qualificato di diritto per le ATP Finals e ha sollevato il trofeo. Pochissimi giocatori nella storia sarebbero stati in grado di fare quello che ha fatto lui.

D’altronde, c’è un motivo se questi ragazzi hanno vinto 20-21-22 Slam a testa. Io ne ho vinti sette e guardando quei tre mi viene spesso da pensare che non ho fatto abbastanza” – ha chiosato la leggenda americana. Photo credit: Getty Images

Novak Djokovic
SHARE