'Mi ha aperto gli occhi': Molcan ricorda il suo primo match contro Novak Djokovic

Djokovic ha incontrato parecchie difficoltà nel 2022 a causa della sua scelta di non vaccinarsi

by Simone Brugnoli
SHARE
'Mi ha aperto gli occhi': Molcan ricorda il suo primo match contro Novak Djokovic

Novak Djokovic ha incontrato parecchie difficoltà nel 2022 a causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Il fenomeno serbo è finito nell’occhio del ciclone poco prima dell’inizio degli Australian Open, torneo a cui non ha potuto prendere parte dopo una telenovela durata circa dieci giorni.

Sempre a causa del suo status vaccinale, l’ex numero 1 ATP ha dovuto saltare anche gli US Open e tutti i Masters 1000 americani. La svolta per Nole è arrivata sull’erba di Wimbledon, dove ha colto il suo settimo titolo in carriera (il quarto di fila).

Il 35enne di Belgrado ha così eguagliato il suo idolo Pete Sampras (con sette successi a Londra) e si è portato ad una sola lunghezza di distanza da Rafael Nadal nella classifica all-time degli Slam. Il ‘Djoker’ tenterà l’aggancio già agli Australian Open 2023, dove sarà certamente l’uomo da battere.

Il pupillo di Goran Ivanisevic è già arrivato in Australia e inizierà il suo 2023 disputando l’ATP 250 di Adelaide. Nell’ultima edizione di ‘ATP Tennis Radio’, lo slovacco Alex Molcan ha ricordato il suo primo match contro Djokovic.

Djokovic è una fonte di ispirazione per tanti

“Affrontare Novak Djokovic mi ha davvero aperto gli occhi su come si gioca a tennis” – ha confessato Molcan senza tanti giri di parole. “È stata un’esperienza davvero incredibile, da cui ho imparato molto.

Ho rivisto diverse volte il nostro match al Belgrade Open 2021 e ho iniziato ad apportare alcune modifiche al mio gioco. Devo ammettere che è stata un’ottima scuola” – ha aggiunto Alex. In un’intervista rilasciata a ‘Il Tennis Italiano’, Riccardo Piatti ha speso belle parole per Djokovic: “Se posso esprimere un desiderio sotto l’albero, mi piacerebbe molto vedere Novak Djokovic giocare e vincere tutti e quattro gli Slam nel 2023.

Nole può piacere o non piacere, ma fra i tre grandi (Federer, Nadal e Djokovic) è quello che merita di più di realizzare il Calendar Grand Slam. Nella seconda parte della stagione è stato inarrestabile e ha dimostrato di essere ancora l’uomo da battere.

Colgo l’occasione per dire che sono molto contento di come sono andate le cose alle ATP Finals di Torino”. Photo credit: Getty Images

Novak Djokovic
SHARE