Addio Sinisa Mihajlovic, il saluto di Novak Djokovic: "Il tuo marchio è indelebile"

Il tennista serbo ha voluto rendere omaggio al suo connazionale, scomparso ieri dopo aver lottato contro la leucemia

by Martina Sessa
SHARE
Addio Sinisa Mihajlovic, il saluto di Novak Djokovic: "Il tuo marchio è indelebile"

Il saluto di Novak Djokovic a Sinisa Mihajlovic, da serbo a serbo. L’ex calciatore e allenatore è venuto a mancare nella giornata di ieri, dopo aver combattuto con anni contro una forma aggressiva di leucemia: ha lasciato la moglie e sei figli.

Il mondo dello sport ha valuto salutare e omaggiare il campione serbo: numerosi i messaggi che sono arrivati subito dopo la notizia, da ex compagni di squadra a tutti i calciatori che sono stati da lui allenati. Dopo le condoglianze del mondo del calcio, il suo mondo, anche il tennis è arrivato a ricordare l’ex allenatore di Milan e Torino.

Tra questi, non poteva mancare Novak Djokovic, suo connazionale: il tennista serbo ha deciso di dedicargli un messaggio via social. Il ventuno volte campione Slam ha voluto fare le condoglianze alla famiglia e rendere omaggio a quella che è stata la sua carriera nel mondo del calcio.

“Riposa in pace, caro Sinisa. Condoglianze alla famiglia Mihajlovic. Grazie per tutto quello che hai fatto per il nostro sport, oltre che in Italia. Il tuo marchio è indelebile”, ha scritto il tennista di Belgrado.

La difesa di Mihajlovic

Il tennista serbo aveva incontrato il calciatore in occasione degli Internazionali di Roma del 2016, dove si erano scattati una foto iconica: non era la prima e unica apparizione dell'ex calciatore ai tornei tennistici, dato che era uno sport che seguiva spesso, calcio a parte.

Questo aveva creato un legame di amicizia tale per cui Mihajlovic intervenisse in favore del suo connazionale dopo le vicende australiane, ossia quando a Djokovic non è stato permesso di partecipare agli Australian Open.

"Per me Djokovic è la prima vittima, non il principale responsabile di questo episodio. Penso inoltre che tutto andasse risolto internamente, fra lo Stato di Vittoria e il governo centrale. Ridicola messinscena la sua permanenza in hotel.

Potrebbe però portare alla luce le condizioni in cui vivono i rifugiati, che non mi sembrano il massimo. Hanno trasformato il tennista serbo nel paladino dei no-vax", aveva detto Mihajlovic sul serbo e sulle settimane difficili che ha vissuto.

Photo credits: Internazionali Bnl d'Italia

Novak Djokovic
SHARE