Wilander: “Djokovic deve sempre fare i conti con lo sguardo di milioni di persone”

L’ex tennista svedese, oggi opinionista per conto di Eurosport, si schiera dalla parte del serbo

by Giuseppe Migliaccio
SHARE
Wilander: “Djokovic deve sempre fare i conti con lo sguardo di milioni di persone”

Quando si incrociano tennisti del calibro di Novak Djokovic e Daniil Medvedev è certo che la partita riserverà delle sorprese. Come dimenticare la finale degli US Open, la sfida del sogno infranto del serbo che stranamente ha ceduto alla ingente pressione.

I due si sono ritrovati recentemente in un altro illustre scenario come quello delle Nitto ATP Finals. L’incontro valeva ‘poco’ in termini di qualificazione alle semifinali (Medvedev era già a due sconfitte subite nel girone), ma a livello di emozioni i due campioni non si sono fatti mancare nulla.

Alla fine l’ha sfangata Djokovic, ma solo dopo continui capovolgimenti di fronte. Ci è voluto, infatti, il tie-break nel terzo set per deciderla. Pur avendo assistito a una prestazione traballante del belgradese, però, l’ex numero 1 del mondo e oggi opinionista per Eurosport Mats Wilander ha avuto solo parole di elogio per Novak Djokovic, da lui definito “una bestia fisicamente ed emotivamente un animale sul campo da tennis” .

L’encomio di Wilander per Djokovic

Nel corso di un intervento fatto a Eurosport, emittente per la quale lavora, Mats Wilander ha tessuto le lodi di Novak Djokovic, campione alle Nitto ATP Finals di Torino per la sesta volta in carriera: “C'è più dramma nel tennis professionistico ora, e il dramma delle emozioni è ciò che attrae la gente sullo schermo in generale.

Quindi mi piace”, ha dichiarato Wilander. “Djokovic deve fare i conti con gli sguardi di milioni di persone per tutto il tempo, tranne durante una partita quando è solo lui e un'altra persona. Sta scambiando con quella persona, e questo scambio comprende le sue emozioni, i suoi pensieri e il suo stato fisico.

Quindi non ne ricavo nulla di speciale, se non che il ragazzo è una bestia fisica assoluta, ed emotivamente è un animale anche sul campo da tennis. È fantastico” . Lo stesso Wilander, poi, ha ripercorso la stagione di Novak Djokovic, sostenendo inoltre che la sua carriera è destinata a durare ancora un altro anno o due: “Novak Djokovic ha dovuto rinunciare agli Australian Open e agli US Open quest’anno, un gran peccato per lui e per il tennis in generale.

Ciò che ha subito nel 2022 potrebbe aver allungato la sua carriera di 1-2 anni. La telenovela australiana lo ha turbato emotivamente e ci ha messo un po’ di tempo a riprendersi, ma poi ha dimostrato di essere ancora il migliore.

Mi ha sorpreso il fatto che non sia riuscito a conquistare il Masters 1000 di Parigi-Bercy, ma non si può vincere sempre. La sconfitta contro Rune in finale non lo ha destabilizzato e ha chiuso la stagione in grande stile trionfando alle Finals.

È pazzesco quello che fa in campo a 35 anni. Riesce a trovare la motivazione anche nelle piccole cose, il che è davvero stupefacente”, ha concluso Mats Wilander. Photo Credits: Getty Images

SHARE