Novak Djokovic vincitore delle Finals a 35 anni: nuovo primato, battuto Federer



by   |  LETTURE 1976

Novak Djokovic vincitore delle Finals a 35 anni: nuovo primato, battuto Federer

Novak Djokovic è il Maestro dei Maestri per la sesta volta in carriera. Il tennista serbo ha impiegato due set per mettere ko Casper Ruud nella finale delle Atp Finals: 7-5, 6-3 è il risultato che lo consegna ancora alla storia di questo sport e che gli permette di conservare la striscia di imbattibilità a Torino.

Così, il campione Slam riesce ad agganciare un altro record, che finora era detenuto da Roger Federer: il numero massimo di titoli delle Finals vinti. Sono entrambi arrivati a quota sei, ma con lo svizzero che conserva il record di vittorie nella competizione dei Maestri (59 conquistate in tutte le partecipazioni) Da Torino, però, Djokovic, oltre al trofeo e ai quattro milioni e passa derivanti dall’imbattibilità nel torneo, si porta a casa anche un altro record: all’età di 35 anni e 5 mesi, è il giocatore più vecchio ad aver vinto il torneo delle Finals.

Anche in questo caso, a detenere il record era sempre Roger Federer, che nel 2011 aveva vinto il titolo all’età di 30 anni e 3 mesi, battendo in finale il francese Tsonga.

Non il finalista più vecchio

Quindi, ancora una volta Novak Djokovic esce da un torneo con una vittoria e con un record conquistato, ma non tutti sono alla sua portata.

Sebbene, infatti, il ventuno volte campione Slam sia il giocatore più anziano di sempre ad aver alzato il trofeo delle Finals, non è tuttavia il giocatore più âgé ad aver disputato una finale di questa competizione.

In questo caso, il record è ancora di Arthur Ashe: per sei giorni di differenza con il serbo, a 35 anni e 6 mesi, è lui il più anziano ad aver partecipato ad una finale del torneo dei Maestri. Il record risale al 1978, quando Ashe perse la finale, nonché derby a stelle e strisce, delle Finals contro John McEnroe: l’ex numero uno statunitense, vincitore sia nel singolare sia nel doppio del torneo, si impose in tre set contro il suo connazionale, sul cemento indoor del Madison Square Garden di New York.

Photo credits: @rolandgarros (Twitter)