Djokovic non dimentica Jelena Gencic: "Ho sviluppato questa mentalità grazie a lei"



by   |  LETTURE 4156

Djokovic non dimentica Jelena Gencic: "Ho sviluppato questa mentalità grazie a lei"

“Non penso che esistano limiti. È tutto nella tua testa. Tutto riguarda la tua percezione e il tuo approccio, il modo in cui guardi le cose in determinati momenti. Ovviamente, quando giochi una lotta fisica, il gioco ne risente anche dal punto di vista mentale e del body language.

Il tuo avversario ama vederti giù e prova a dominare gli scambi. Penso che la battaglia più grande sia quella interiore. Se sei in grado di ritrovare te stesso in quello stato mentale e fisico, puoi ottenere il meglio e raccogliere i migliori risultati in ogni momento, punto e partita” .

Il discorso pronunciato da Novak Djokovic al termine del match contro Daniil Medvedev alle ATP Finals di Torino, ha emozionato tutti gli appassionati di tennis. Il campione serbo ha trasformato le sue parole in fatti anche nella semifinale vinta contro Taylor Fritz in due set.

Il belgradese ha infatti trovato il modo di superare gli ostacoli e di alzare il livello nei momenti importanti della partita.

Djokovic: "Ho sviluppato questa mentalità grazie a Jelena Gencic"

“Mi piacerebbe credere che stia evolvendo e migliorando, come chiunque altro.

Spero in modo positivo. Sto sperimentando cambiamenti sul mio corpo e ,ovviamente, sulla mia mentalità, la mia mente, il mio carattere. Tutti cambiamo. Ogni anno siamo persone diverse. Ti adatti alle diverse circostanze della vita e cerchi di essere la versione migliore di te stesso, non solo in termini di atletismo, ma in generale.

Hai più esperienza. Mi piace credere che ci sia più saggezza in termini di come vedo le cose correlate al mio sport e alla mia vita. Oggi, vedo la mia vita intorno al tennis in maniera differente rispetto a 15 anni fa.

Io ho sempre approfondito il mio approccio e la mia analisi fuori e dentro al campo. Ho sviluppato questo tipo di approccio e mentalità grazie a Jelena Gencic, la mia prima allenatrice di tennis, che è venuta a mancare.

Era molto professionale e aveva quell'approccio olistico a tutto. L'ho ereditato da lei. In tutta la mia vita sono sempre stato così, ho sempre curato ogni singolo aspetto e dettaglio. Naturalmente, con il passare del tempo, apprendo più cose.

Tutto questo crea una formula per avere successo. Questo funziona per te, forse non per gli altri" . Photo Credit: Getty Images