Novak Djokovic non è pienamente soddisfatto: "Non mi sentivo al meglio"



by   |  LETTURE 3038

Novak Djokovic non è pienamente soddisfatto: "Non mi sentivo al meglio"

Novak Djokovic ha dimostrato ancora una volta di possedere una forza mentale fuori dal comune. Il campione serbo, in difficoltà dal punto di vista fisico, ha conquistato l’ottava finale alle ATP Finals giocando in maniera pressoché perfetta tutti i punti importanti della semifinale vinta con il punteggio di 7-6( 5) , 7-6( 6) contro una delle migliori versioni di Taylor Fritz.

Il belgradese si è aggiudicato il tie-break del primo set colpendo un fenomenale dritto lungo linea. Nella seconda frazione di gioco, invece, si è ritrovato sotto 4-5 e ha sfruttato l’unica occasione concessagli da Fritz in risposta per rientrare nella partita.

Come accaduto nella parte finale del primo set, Djokovic è riuscito ad alzare il livello nel tie-break e a chiudere i conti in quasi due ore di gioco.

Djokovic: "Proverò a fare del mio meglio in finale"

“Ottava finale al Torneo dei Maestri? Non vedevo l’ora di ritrovarmi in questa posizione.

Sono felice di essere in grado di competere per un altro grande trofeo, uno dei più grandi che abbiamo nel nostro sport. Per ora è stata una grandiosa settimana. Quattro vittorie su quattro. Sarà l’ultimo match dell’anno e proverò a fare del mio meglio.

Mi piace il fatto che sia stato in grado di battere Daniil Medvedev dopo una lunga e dura battaglia, per poi tornare in campo il giorno successivo senza avere molto tempo per recuperare e vincere un altro match intenso contro Fritz.

Questa è una cosa che ha contraddistinto la mia carriera negli anni. Mi piacerebbe vincere il torneo, ma non sarò l’unico giocatore in campo a cercare la vittoria. Spero che sarò in grado di giocare al livello a cui ho giocato nella maggior parte delle partite questa settimana e vincere il trofeo” , ha dichiarato Djokovic in conferenza stampa.

“La mia costituzione fisica è ottima( ride, ndr) . La forma fisica era differente rispetto alle altre partite in cui mi sono sentito più fresco. Oggi, a causa delle tre ore giocate ieri, le mie gambe erano pesanti.

Sapevo che non sarei stato il più fresco in campo, ma dovevo trovare un modo differente per adattare il mio gioco alla mancanza di reattività. Non mi sentivo al meglio dal punto di vista del gioco. Fisicamente stavo bene.

Non alla grande e non così male. Non sentivo di essere esausto. Avrei potuto giocare un altro set senza problemi in realtà. Sono contento di aver vinto due tie-break contro un grande giocatore” . A Djokovic è stato poi chiesto di scegliere la superficie su cui vorrebbe giocare il match della vita.

“Non penso che sceglierei questa, onestamente. Anche se sto giocando bene, non fraintendetemi. Se parliamo di tornei indoor, sceglierei probabilmente una superficie leggermente più lenta di questa. È davvero veloce.

Ovviamente, servire bene ti aiuta. Ma quando non servi bene, devi combattere molto e trovare il modo di vincere i punti da fondo campo. Storicamente ho sempre giocato bene indoor in condizioni di gioco differenti. Sono sempre riuscito ad adattarmi bene.

Penso questa sia una delle qualità mostrate nel corso della mia carriera. Anche se sono cresciuto in Serbia, dove la maggior parte dei campi sono in terra battuta e non ho giocato sull’erba fino ai 17 anni. Sono felice di essere cresciuto e di aver ottenuto successi su tutte le superfici” . Photo Credit: LaPresse