Fritz non ha dubbi e ammette: "2022? Quando Djokovic ha giocato, è stato il migliore"



by   |  LETTURE 4017

Fritz non ha dubbi e ammette: "2022? Quando Djokovic ha giocato, è stato il migliore"

Il cammino di Taylor Fritz alle ATP Finals di Torino non ha fatto altro che confermare i numerosi progressi compiuti dall’americano sia dal punto di vista tecnico che tattico. Il 25enne di San Diego ha sfruttato nel migliore dei modi il ritiro di Carlos Alcaraz e ha superato il Gruppo Verde battendo Rafael Nadal e Felix Auger-Aliassime.

Fritz si è arreso in semifinale solo a Novak Djokovic con il punteggio di ( 5) 6-7, ( 6) 6-7. L’attuale numero nove del ranking ATP non è riuscito ad alzare il livello nei momenti importanti della partita e ha gettato alle ortiche la possibilità di portare il match al terzo set, quando ha servito per aggiudicarsi il secondo parziale sul 5-4.

Fritz: "Djokovic ha dimostrato di essere il migliore anche quest'anno"

“Non è il momento migliore per elaborare una giusta riflessione sulla settimana che ho trascorso qui, perché sono molto deluso.

Ancora di più se penso alle cose che sono accadute in campo e che non sono riuscito a gestire. Sono sicuro che tra due settimane penserò a questa esperienza e dirò: ‘È stata una grande settimana’ .

Non solo ho avuto la possibilità di giocare le Finals, ma ho anche superato il girone e vinto due ottime partite. Avrei potuto chiudere la stagione con una brutta sconfitta al secondo turno del Masters 1000 di Parigi-Bercy.

Ora mi sentirò molto meglio pensando al mio tennis e al mio gioco" , ha dichiarato Fritz in conferenza stampa. "Di solito gioco bene i tie-break, ho un discreto record. Anche oggi penso di averli giocati abbastanza bene.

È stato bravo lui sul mio servizio. Hai pochi margini nel tennis, è sempre così” . Fritz sarà uno dei protagonisti della spedizione americana in Coppa Davis e il principale avversario da battere per l’Italia.

“Non è una competizione molto importante per gli americani. Se dovessimo vincerla, forse, alle persone importerebbe. Ho parlato con i miei compagni di squadra, proveremo a vincere. Vogliamo vincere. In questo momento non ci sto pensando davvero; datemi qualche giorno e sarò lì pronto per provare a vincere.

È stato un anno folle. La mia conclusione è che quando Novak ha giocato, è stato il migliore. Non ci sono dubbi. Quando non ha giocato, abbiamo visto tanti risultati diversi, perché senza di lui tutti siamo molto vicini.

Tutto era legato a chi avrebbe giocato meglio quella settimana, alle condizioni di gioco ecc. Escludendo Djokovic, penso ci siano 15 o 20 tennisti in grado di battere chiunque. È quello che è successo quest’anno” . Photo Credit: Getty Images