La mentalità vincente di Djokovic: "I limiti non esistono. È tutto nella tua testa"

Il campione serbo ha parlato della sua mentalità e analizzato il match contro Medvedev

by Antonio Frappola
SHARE
La mentalità vincente di Djokovic: "I limiti non esistono. È tutto nella tua testa"

Se qualcuno avesse ancora dubbi sulle abissali differenze che contraddistinguono un campione da un ottimo giocatore, dovrebbe rileggere più volte l’attestato di unicità rilasciato gratuitamente da Novak Djokovic alle ATP Finals di Torino.

Il serbo è sceso in campo già certo della qualificazione alle semifinali e del primo posto nel Gruppo Rosso, ma questo non gli ha impedito di disputare una battaglia durata oltre tre ore e di lottare come se la sua vita dipendesse da ogni singolo punto.

Il belgradese è apparso in difficoltà dal punto di vista fisico nella parte finale del secondo set, ma ha trovato il modo di accorciare gli scambi e chiudere la disputa con un magistrale tie-break. La sofferta vittoria contro Daniil Medvedev, probabilmente, non gli permetterà di sfidare Taylor Fritz al massimo delle sue condizioni; poco importa, perché come ha ammesso lo stesso Djokovic al termine della partita: “Alcune vittorie valgono molto di più un semplice match” .

Djokovic: "Non mi piace fare calcoli. Fa parte della mia mentalità"

“Era solo stanchezza derivante da una battaglia estenuante. Questo è tutto quello che posso dire. Non c’era nessun malessere. Nessuna parte del mio corpo in particolare mi ha dato problemi.

Si è trattato solo di un affaticamento fisico per i duri scambi giocati e per la lunghezza della partita. Ero un po’ più nervoso prima della partita, perché affrontavo un dei migliori giocatori del mondo.

Uno dei miei migliori rivali. Vuoi vincere a prescindere dalla qualificazione già conquistata. Non importa il resto. Vogliamo sempre vincere quando ci affrontiamo. Il match di oggi ho mostrato questa mentalità che abbiamo entrambi.

Lui voleva chiudere la stagione con una vittoria; io non volevo perdere contro di lui. Non mi piace fare calcoli. La mia mentalità è vincere ogni partita che gioco. In questa fase della mia carriera, ogni match di questo calibro rappresenta un’opportunità d’oro per ottenere una vittoria contro uno dei migliori tennisti.

Non ho pensato alla partita di domani" , ha spiegato Djokovic in conferenza stampa. . "Limite tra essere distrutti e vincere comunque la partita da campione? Non penso che esista un limite. È tutto nella tua testa. Tutto riguarda la tua percezione e il tuo approccio, il modo in cui guardi le cose in determinati momenti.

Ovviamente, quando giochi una lotta fisica, il gioco ne risente anche dal punto di vista mentale e del body language. Il tuo avversario ama vederti giù e prova a dominare gli scambi. Penso che la battaglia più grande sia quella interiore.

Se sei in grado di ritrovare te stesso in quello stato mentale e fisico, puoi ottenere il meglio e raccogliere i migliori risultati in ogni momento, punto e partita. Ma queste sono solo parole. Parliamo di teoria. Ma quando sei in campo, ci sono molti fattori ed elementi che possono influenzarti.

Il tuo gioco, i fan… I nervi e la tensione possono prendere il sopravvento. A volte riescono a tirare fuori il meglio di te stesso; altre il peggio. Non esiste una pozione segreta o un modo per ottenere successo. Penso sia importante avere la mente, gli occhi e le orecchie aperte.

Imparare da ogni esperienza sperando che tu possa trasformarle in lezioni per fare meglio la prossima volta. Uno sport individuale come il tennis è molto dinamico: le cose accadono velocemente. Più tentenni, peggio è.

Devi sempre cercare di mantenere quella curva il più piatta possibile. Con il calo di energia o di concertazione, qualsiasi cosa succeda, devi cercare di riprenderti il più velocemente possibile. Ovviamente, esistono vari modi per fare questo.

Siamo tutti differenti. Alcuni usano esercizi mentali; altri il subconscio. A volte può essere un membro del tuo team, una persona. Altre un pensiero. Entriamo nel campo della filosofiaa e della mentalità nel mondo dello sport.

È sempre importante trovare e inseguire l’equilibrio, perché il tennis è molto dispendioso. Non puoi contare su un compagno di squadra. Cinque minuti possono costarti l’intera partita. Questo è il motivo per cui il tennis è così bello: è una sfida costante” . Photo Credit: Getty Images

SHARE