Djokovic: "Uno dei migliori match dell'anno. È fantastico avere la mia famiglia qui"

Il campione serbo ha parlato della sua famiglia al termine del match con Rublev

by Redazione
SHARE
Djokovic: "Uno dei migliori match dell'anno. È fantastico avere la mia famiglia qui"

Novak Djokovic ha guadagnato l’accesso alle semifinali delle Nitto ATP Finals per l’undicesima volta in carriera grazie all’ennesima grande prestazione stagionale. Il belgradese è stato impeccabile al servizio: ha conquistato il 94% dei punti con la prima e non ha concesso nessuna occasione ad Andrey Rublev.

Dopo aver chiuso il primo set sul 6-4 con una straordinaria risposta, il campione serbo ha assunto il comando degli scambi e ha iniziato a leggere meglio il servizio del russo. Rublev non è più riuscito a contrastare Djokovic e ha raccolto un solo game nella seconda frazione di gioco.

Djokovic: "Uno dei migliori match dell'anno. Voglio vincere"

“Uno dei migliori match dell’anno, soprattutto per il livello espresso nel secondo set. È stato un set perfetto. Ho iniziato la partita nel migliore dei modi, servendo estremamente bene.

Ho vinto tanti punti 'gratis' attraverso il servizio. Penso che aiuti tantissimo in queste condizioni di gioco contro un tennista dinamico come Rublev. Sono stato in grado di trovare le giuste risposte. Sono stato un po’ più paziente di lui nel decimo game del primo set e ho colpito una grande risposta di rovescio sulla sua prima.

La partita è andata dalla mia parte da quel momento. Penso che i primi giochi del secondo set siano stati la chiave. Ho subito ottenuto il break e le cose sono andate in maniera fantastica. Sono contento di aver conquistato le semifinali, ma voglio comunque vincere l’ultima partita del girone” .

Djokovic ha deciso di raggiungere Torino con tutti i componenti della sua famiglia. Alla fine del match con Rublev, il serbo si è rivolto alla sua piccola bambina e le ha lanciato dei dolcissimi baci. “È una sensazione incredibile avere la mia famiglia qui: entrambi i miei bambini sono a Torino con mia moglie.

Hanno visto l’intero match dal primo all’ultimo punto. Penso sia la prima volta che capiti. Ovviamente mio figlio gioca a tennis. Ha otto anni ed è consapevole di quello che succede in campo e conosce tutti. Ama girare per il circolo, ottenere gli autografi dei tennisti, giocare a tennis e aiutare Goran Ivanisevic prima dell’allenamento.

È una cosa a cui mi sono abituato e che accade regolarmente. Mi ha davvero influenzato in modo fantastico questa settimana. Mi sono divertito così tanto in campo con mio figlio. Ovviamente anche fuori dal campo. Porta nella mia vita armonia e gioia, soprattutto il giorno della partita in cui sono più teso.

Avere la mia famiglia vicino mi permette di trovare un grande equilibrio. Loro sono felice, io sono felice e va tutto bene" . Photo Credit: Getty Images

SHARE