Rothenberg: “Pur resistendo al vaccinarsi, Djokovic resta il migliore”

Il noto giornalista esalta il rendimento del serbo al Masters 1000 di Parigi-Bercy

by Giuseppe Migliaccio
SHARE
Rothenberg: “Pur resistendo al vaccinarsi, Djokovic resta il migliore”

Nonostante i numerosi tornei saltati e, di conseguenza, le poche partite giocate, il rendimento di Novak Djokovic in questo finale di stagione sta a dir poco impressionando. Sulla strada verso la difesa al titolo di Parigi-Bercy è capitato anche, purtroppo per il tennis italiano, Lorenzo Musetti, letteralmente spazzato via da Djokovic nel match di quarti di finale (6-0 6-3).

Un cammino, quello che sta compiendo il serbo, che sta strabiliando tifosi o addetti ai lavori come il noto giornalista Ben Rothenberg, il quale nell’ultima puntata del suo podcast “No Challenges Remaining” ha definito la resistenza al vaccinarsi di Djokovic “la storia più rilevante del tennis maschile” .

“Ne abbiamo parlato nell'ultima puntata di NCR Tennis, ma che piaccia o no la resistenza di Djokovic a sottoporsi al vaccino rimane senza dubbio la storia più rilevante del tennis maschile, perché è ancora il migliore ed è un tour completamente diverso con lui che fa un calendario parziale come questo” .

Le parole di Djokovic dopo la vittoria contro Musetti

È stata una partita ai limiti della perfezione quella giocata da Novak Djokovic nei quarti di finale di Parigi-Bercy contro l’azzurro Lorenzo Musetti. Il risultato finale di 6-0 6-3 dimostra chiaramente come il 21 volte campione Slam sia riuscito a trasferire sul campo la partita che aveva preparato.

Subito dopo la qualificazione alla semifinale a Parigi, il tennista serbo ha parlato così in conferenza stampa: “Musetti non ha giocato il suo miglior tennis e lo sa. Anche i fan se ne sono accorti, ma io ho contribuito a quello che è successo.

Ho ottenuto esattamente tutto quello che avevo preparato. Già in diverse occasioni in passato mi erano successe situazioni analoghe a queste e cerco sempre di giocare il mio miglior tennis. È dall’inizio del torneo che mi trovo molto bene su questa superficie.

Il resto lo fanno gli allenamenti, la concentrazione e ogni volta che gioco tutto questo aumenta in mio favore” . Photo Credits: Getty Images

SHARE